Un caffè insieme – Il miracolo di Dio al Profeta Muhammed

Un caffè insieme – Il miracolo di Dio al Profeta Muhammed

Carissimi lettori, oggi vorrei trattare del miracolo di Dio al Profeta Muhammed (pace e benedizione su di lui). Diversi studenti credono che la missione di Muhammed (pace e benedizione su di lui) di trasmettere il messaggio di Dio e riportare la gente alla fede, fu più dura di quelle dei messaggeri e profeti che lo precedettero. Il miracolo principale che portò con sé fu quello del Sacro Corano, recitato in lingua araba, come una rivelazione divina dal Signore.

ADimensione Font+- Stampa

Carissimi lettori, oggi vorrei trattare del miracolo di Dio al Profeta Muhammed (pace e benedizione su di lui). Diversi studenti credono che la missione di Muhammed (pace e benedizione su di lui) di trasmettere il messaggio di Dio e riportare la gente alla fede, fu più dura di quelle dei messaggeri e profeti che lo precedettero. Il miracolo principale che portò con sé fu quello del Sacro Corano, recitato in lingua araba, come una rivelazione divina dal Signore.

Sebbene la forte resistenza che dovette affrontare dal suo popolo che parlava in arabo egli trasmise il messaggio alle nazioni e comunità di diverse lingue, culture e religioni al di fuori della penisola arabica. L’82• verso di Sura “La Donna” afferma: “Non meditano sul Corano? Se provenisse da altri che da Allah, vi avrebbero trovato molte contraddizioni”.

A differenza dei miracoli fisici, portati dagli altri profeti e messaggeri tutti mandati da Dio, miracoli riconosciuti e visti solo dalle persone che vivevano al tempo, il Sacro Corano è il miracolo eterno che si può vedere, toccare, leggere e trasmettere di generazione in generazione.

Per i musulmani il Sacro Corano è la parola di Dio e il Suo eterno messaggio a tutta l’umanità, è l’unico Libro proveniente da Allah che non ha subito modifiche o da chiunque altro. L’88• verso di Sura “ Il Viaggio notturno “ riporta: “Di’: Se anche si riunissero gli uomini e dèmoni per produrre qualcosa di simile di questo Corano, non ci riuscirebbero, quand’anche si aiutassero gli uni con gli altri”.

L’attuale Sublime Corano è lo stesso che è stato rivelato al Profeta Muhammed (pbsdl) più di 1400 anni fa. Fu menzionato da numerosi uomini pii (parola per parola e lettera per lettera). Subito dopo la morte del Profeta (pbsdl) il Corano completo fu prima trascritto in un libro, durante il califfato di Abu Bakr Al-Siddiq. Successivamente furono prodotte diverse copie precisissime e distribuite nelle regioni o stato islamico, e questo durante il califfato di Othman Ibn Affan già solo a 13 anni dalla morte del Profeta (pbsdl).

Il concetto del “tawaatur”, ovvero imparato a memoria da una persona ad un’altra e con una rigida certificazione sulla conoscenza della persona che lo ha insegnato, conferma l’assoluta autenticità del Libro che è stato tramandato senza cambiare nemmeno una congiunzione.

È importante notare che gli Hadith, detti e gli insegnamenti del Profeta (pbsdl ) non sono inseriti nel Corano ( che contiene solamente le parole di Dio, senza alcun commento o elaborazione di nessun essere umano). I detti del Messaggero di Dio (pbsdl) e i suoi insegnamenti sono stati raccolti in libri “ la Sunna e i detto del Profeta “ dove è contenuta anche la spiegazione del Libro. I libri di “Hadith “sono stati raccolti da sapienti musulmani , che contengono le parole del Profeta Muhammed ( pbsdl) in determinate circostanze.

Quando il Corano viene letto o recitato, il termine “ Tajwid” è comunemente usato e sottolineato per descrivere la conoscenza delle regole che controllano e guidano alla lettura del Sublime Corano. I musulmani affermano che non solo il testo del Corano fu preservato miracolosamente ma anche lo stile di recitazione che utilizzavano Muhammed e i suoi compagni . Tale stile è documentato da narratori e recitatoti , dal Profeta (pbsdl) e i suoi compagni fino ad oggi.

Il “ Tajwid” è una scienza unica nel suo genere . Riflette l’alto livello di attenzione che fu data dai compagni pre preservare il modo di recitare il Sacro Corano parola per parola . Il Sacro Libro fu rivelato originariamente in arabo . I sapienti musulmani affermano che la lingua araba è superiore a molte altre lingue in quanto supporta un esteso numero di vocaboli e una grammatica molto dettagliato e di livello decisivamente elevato.
Questo I did a che la lingua araba è più precisa di molte altre nel descrivere le parole di Allah . Per esempio la lingua araba possiede 28 lettere, molte delle quali non esistono in diverse lingue come la lettera “ Dhad” che potrebbe essere una D “ pesante “ e” Taa “ una T “pesante “.

Il numero delle derivazioni che si possono formare da ogni singola radice supera il centinaio e il numero totale delle parole in lingua araba sono più di 6 milioni. Questo numero di parole è molto superiore alle parole delle altre lingue del mondo.

Decarta racconta la Tuscia