Tra i due (Pd) litiganti il terzo gode

Tra i due (Pd) litiganti il terzo gode

Sembrava impossibile ma è successo. Il Pd della Città di Viterbo, che ben si era comportato alle nazionali e regionali del 4 marzo scorso, ha deciso di fare harakiri alle amministrative del 10 giugno.

ADimensione Font+- Stampa

Sembrava impossibile ma è successo. Il Pd della Città di Viterbo, che ben si era comportato alle nazionali e regionali del 4 marzo scorso, ha deciso di fare harakiri alle amministrative del 10 giugno.

Infatti in una lotta fratricida tra Ciambella e Serra, i due candidati che si sono divisi equamente (alla fine sono risultati 20 voti in più per Serra ) il bottino elettorale del Pd. 10,88 % per uno e 10,94 % per l’altro.

Il risultato è che alla fine tra questi due Pd – litiganti chi ha goduto di questo grande favore è Chiara Frontini che, con un ottimo risultato personale, ha messo la freccia e li ha sorpassati per andarsi a giocare il ballottaggio con il Giovanni Arena. Dalla spaccatura del Pd è schizzata fuori la Frontini con il 17, 56 % di voti

Ora voci di corridoio danno per scontato che sia la Ciambella che Serra potrebbero dare una mano alla medesima, ma se così fosse rinuncerebbero a quattro seggi che spetterebbero loro in caso di vittoria di Arena. 

C’è da aspettarsi di tutto ma anche questa scelta risulterebbe da masochisti della politica e un ulteriore harakiri politico incomprensibile e fuori da ogni logica. Attendiamo gli sviluppi del ballottaggio consapevoli che non ci saranno apparentamenti espliciti da nessuna delle due parti, per quelli sotterranei e autolesionisti c’è spazio e tempo.