Al bar de La Fune – “Tocca campà quello che rimane sperando che cambi qualcosa”

Al bar de La Fune – “Tocca campà quello che rimane sperando che cambi qualcosa”

Al bar si incontrano i due soliti vecchietti e si raccontano le cose, come sempre. Come accade da anni. Ragionano sulla città, su come è messa. Oggi li abbiamo ascoltati con piacere mentre parlavano, a modo loro (da ignoranti) della questione immondizia a Viterbo.

ADimensione Font+- Stampa

Al bar si incontrano i due soliti vecchietti e si raccontano le cose, come sempre. Come accade da anni. Ragionano sulla città, su come è messa. Oggi li abbiamo ascoltati con piacere mentre parlavano, a modo loro (da ignoranti) della questione immondizia a Viterbo. 

 

– Quell’ò!

– Ecchete và!

– Bongiorno! Ecchidichi? L’hàe messe giù ‘l zucchine?

– E come no? Ierassera, cò la mi moje. S’eremo portate pure ‘l dà magnà se semo messe ggiù a buco burzò e l’èmo piantate. Ma giusto pè ffà ‘n po’ de fregantò st’istate!

– Già, io l’ho messe due tre e me me tocca magnalle poco. Me fanno callo!

– Come sarebbe a ddì?

– Sarebbe che me bruciano.

– Bruciano che?

– A fregna! Le zucchine me fanno brucià ‘l culo dopo che le magno, mò me capisci come te dico?

– Se llallero! E qquè è nnova!

– Da sempre poe, manco ‘l dottore strolico del mi fijo l’ha mae saputa spiegà come mmai!

– E comunque daje, ‘m po’ de malva dentro ‘l pestasale e passa la paura.

– Ma manco me piaciono tanto, mejo li pommodori. Anzi l’ho d’annà a pija dù piantine ma prima ho da passà da queloro de la monnezza a pija le buste pè la plastica che a la mi moje j’hanno dato n’avviso perché le bbuste ‘n ponno esse nere. Tu lo sai ‘n dov’è?

– Zitto và, ce semo nnati col mi fijo, e ppè trovalli le tribbole! So ggiù pel Poggino, almeno quanno ce so annato io. Sempre se riesci a sopravvive a le buche, penza che noi, zuccaroni poco, semo passati da la scorciatoia de la Teverina. ‘L mi fijo ha detto: “passamo da qua che famo prima”, solo che pioveva a tutta cannella e momenti cascamo dentro ‘n cratere. Na buca grossa come na ròta. Ossanammazzà me s’è crinata pure na ganassa de la dintiera pè la botta! Poe, se semo perzi ‘n par de vorte e è toccato chiede a dù cristiani llì vicino. Manco ‘n cartello émo visto.

– Pure! Dopo che c’è la monnezza da tutte le parti te fanno pure li cazziatoni. Pijono sù solo quello de li sacchetti. Poi siccome noialtri semo zozzi come ‘l cioco, la robba rimane tutta lllà pè terra. Hà capito? Te cazziono pure. Te ponno fa la multa capito? La multaaaa!!!

– Ma te pare? 

– Ennò! Mò io pinzavo na cosa. Se m’ha dà fa la murta io me la fò fa ma a bon bisogno.

– Che voi dì?

– Dopo che pago e che lasciono tutto un cagatoro, a stò punto la multa me la fò ffà, ma la pijo de core!

– ‘N te capisco!

– Mò te lo spiego: ce sarebbe d’annà a coje tutta la monnezza lungo le vie, le strade, li marciapiedi, ne li chjavicòtti. Se fanno ‘n par de cento buste…

– Nere!

– Bravo, nere, e se portano tutte sotto piazza del Commune.

– Ma lete llì al Commune?

– Sineeee al Commune! Vò scommette che tirano fòri la piazza come ‘n panno cannido de bbucata. Perché tanto se ‘n ci penzano li cristiani quella robba rimane llì l’anni.

– E comunque quell’ò, ‘n c’è da scherzacce. Qui semo tutti quanti scarzacane! Queloro, noialtri, stì bardasciotti che vengono su mò. Tutti rimbambiti da li trefonini mentre ‘n c’è più gnente che funziona com’ha ddà funzionà.

– Hà raggiò. Io solo la tèrza de scòla hò ffatto ma sapevo qual’erono li diritti e li doveri. Mó c’hanno tutte le scòle e c’hanno solo diritti. Conta solo me stesso. Conta solo “io”.

– ‘Nvece dovrebbe contà “noi”.

– Tocca campà quello che rimane sperando che cambi qualcosa. Che la gente se sveji.

– Già, cò li sogni davanti all’occhi.

– Caro mio, ‘l mì babbo me diceva: “scurrégge e ssògne se làsseno mal lètto”.

– Ahahaha dillo a la mi moje.. e io ‘n sogno mai!

– Pora donna.. almeno io sogno! Vabbè se vedemo la prossima.

– Bona giornata quell’ò.

– Pur’a ttè!

Natale Viterbo