Saldi, già i primi problemi per commercianti e acquirenti

Saldi, già i primi problemi per commercianti e acquirenti

Il maltempo mette a dura prova il primo giorno dei saldi in centro, mentre alcuni denunciano i "furbetti" del cartellino aumentato.

ADimensione Font+- Stampa

I saldi sono iniziati da un giorno e già i primi problemi si stanno presentando alla porta degli esercenti e degli acquirenti. Sì, perché se da un lato l’improvviso maltempo rischia di far sfumare l’occasione per i negozi del centro storico, dall’altro arrivano le prime lamentele del pubblico su qualche “furbetto” dei prezzi.

Il maltempo che ha colpito la Tuscia in questi giorni, in primo luogo, ha di fatto spostato le grandi masse all’interno dei centri commerciali: più al riparo dagli agenti atmosferici. Il fatto che quest’anno i saldi siano iniziati di martedì, poi, non ha di certo facilitato le cose, benché sia sempre un giorno prefestivo. Gli esercenti del centro puntano sulla giornata di oggi, ma la pioggia è in arrivo e nulla è sicuro.

Sul versante opposto, quello degli acquirenti, invece sono arrivate alla Federconsumatori di Viterbo alcune segnalazioni su qualcuno che ha deciso di fare il furbo. “Parliamo dei cosiddetti “saldi finti” – dice il responsabile locale, Pietro Vacca –  ovvero di quei casi in cui i prezzi vengono aumentati in occasione della stagione degli sconti. Il risultato è che lo stesso prodotto che prima costava una certa cifra, a saldo costa più o meno la stessa, perché il cartellino è stato rivisto all’insù”.

“Sono arrivate alcune segnalazioni che riguardano merce in vendita in negozi di Viterbo e che ha subito questo ‘trattamento’. Facciamo quindi appello ai commercianti affinché episodi simili non si ripetano: ritoccare i prezzi originali è una truffa”. Un comportamento finora sporadico, rassicurano da Federconsumatori Viterbo, ma che rischia di rovinare i rapporti di fiducia tra consumatore e negoziante.