Davide Shorty dalla finale di X Factor fino al Subway di Viterbo

Davide Shorty dalla finale di X Factor fino al Subway di Viterbo

L'evento di domani sera organizzato dalla discoteca viterbese con il contributo di Al Settantasette e Imaginaction Rockin Cura

ADimensione Font+- Stampa

Il Settantasette non demorde e, nonostante la dura sanzione arrivatagli nei giorni scorsi, continua la sua opera. Grazie alla prolifica collaborazione il Subway e Imaginaction Rockin Cura. Domani, infatti, Davide Shorty, il finalista di X Factor 2015 sarà a Viterbo per un evento tutto dedicato alla musica di qualità. La serata, che si terrà al Subway, in via Rossi Danielli, partirà alle 23 con l’opening act di Michel Misha Piergentili – HipHop, DjSet&Old School Charts e dei ThrowBack. Dopo lo show di Davide Shorty, una jam session in cui l’artista si metterà a disposizione per chiunque voglia esibirsi con lui.

All’organizzazione dell’evento Al Settantasette, Subway Viterbo e Imaginaction Rockin Cura: tre realtà che la sanno lunga quanto a intrattenimento, musica e spettacolo: Al Settantasette e Subway Viterbo sono due tappe fisse della movida viterbese: il primo è un Irish pub posto nel cuore di San Pellegrino. Il Subway è punta di diamante viterbese quanto a divertimento, con ospiti artisti di fama internazionale. Imaginaction è l’associazione conosciuta nella provincia per l’organizzazione del festival musicale “Rockin Cura” e tanti altri appuntamenti.

Davide Sciortino, in arte Davide Shorty, é un cantautore, beat-maker e rapper di Palermo che si distingue per la sua inconfondibile voce soul e per l’uso di melodie contaminate dal jazz alternate al rap.

Nel 2010 si trasferisce a Londra per intraprendere un nuovo percorso musicale. Nel 2012 fonda la band “Retrospective For Love”, attualmente il progetto principale nella sua carriera. Nel corso di questi tre anni la band ha suonato in numerose venue di prestigio nel Regno Unito. Attualmente Davide Shorty é impegnato nella scrittura di un nuovo album interamente in italiano, dove non mancherà il rap, il soul e tanta voglia di portare un messaggio di rivalsa per un’Italia che ha bisogno non solo di riscoprire la propria cultura, ma soprattutto di rinnovarla.

Decarta racconta la Tuscia