Ricci a Rossi: “chiedo scusa, ma anche lui dovrebbe farlo. Forse anche di più”

Ricci a Rossi: “chiedo scusa, ma anche lui dovrebbe farlo. Forse anche di più”

oche ore dall’affissione ed è successo il finimondo, compreso un faccia a faccia tra Alvaro Ricci e Filippo Rossi. La nuova cartellonistica turistica di Viterbo sistemata in questi giorni nelle principali piazze della Città ha fatto il giro del paese anche grazie all’articolo che gli ha dedicato il Corriere della Sera

ADimensione Font+- Stampa

Rossi chiede le scuse di Ricci che rilancia: “anche lui dovrebbe farlo, anche qualcosa di più”. Poche ore dall’affissione ed è successo il finimondo, compreso un faccia a faccia tra Alvaro Ricci e Filippo Rossi. La nuova cartellonistica turistica di Viterbo sistemata in questi giorni nelle principali piazze della Città ha fatto il giro del paese anche grazie all’articolo che gli ha dedicato il Corriere della Sera (qui, qui e qui). Una vicenda che ha fatto arrabbiare il leader di Viva Viterbo Filippo Rossi (qui) che ha criticato duramente l’assessore Alvaro Ricci, oltre che il sindaco Leonardo Michelini, ridando vita ad uno scontro che covava dai tempi del tweet di Pepponi (qui).

 

Assessore cosa è successo con i cartelloni turistici?

“È successo che in effetti queste traduzioni lasciano un po’ a desiderare. Non voglio dire niente sulla correttezza dell’inglese perché non sono un esperto di lingua, però non sembrano adeguati. Francamente avrei preferito il nome in italiano dei luoghi di interesse, piazze e musei senza entrare nel merito della correttezza della traduzione”.

 

Si interverrà subito quindi?

Chi ha fatto la traduzione dice che sono corretti, però francamente ritengo sia una scelta sbagliata e su questo interverremo”

 

Ci sono state anche delle polemiche politiche, fuoco amico: Filippo Rossi..

Non me la sento di alzare così i toni e dire che sono abnormità linguistiche, non ho questa conoscenza dell’inglese. Me ne assumo la responsabilità anche se l’assessore non deve fare correttore di bozze. Mi prendo le responsabilità perché sono al vertice e chi sta al vertice così deve fare. Comunque queste polemiche non fanno bene alla città e non rendono giustizia al lavoro complesso dell’infomobilità.

 

Rossi chiede le sue scuse, le darà?

“Lo faccio tranquillamente, anche se qualche volta pure lui dovrebbe chiedere anche qualcosa di più di scusa”.

 

Perché questo rapporto difficile con Viva Viterbo?

“Io non ho nulla contro Filippo Rossi, anzi spesso mi ci trovo d’accordo. Ad esempio sulla riqualificazione dei portici, un’idea di cui se ne è appropriato visto che era mia e del gruppo Pd di qualche anno fa. Sui comportamenti poi abbiamo stili diversi”.