I diari della motocicletta – La partenza (Tuscania-Innsbruck)

I diari della motocicletta – La partenza (Tuscania-Innsbruck)

Tuscania-Innsbruck, questa la prima tappa del nostro viaggio. Nella testa c'è Capo Nord, ma ancora prima viene il viaggio.

ADimensione Font+- Stampa

TuscaniaInnsbruck, questa la prima tappa del nostro viaggio. Nella testa c’è Capo Nord, ma ancora prima viene il viaggio.

Ore 6:20, è l’alba già da circa 30 minuti. Si parte da Tuscania. Il contachilometri della moto segna 32.645 chilometri. La nostra V7 Guzzi ne ha già fatta di strada in passato ma nel prossimo mese se ne troverà avanti ancora un bel po’. La bellezza di 10mila chilometri circa, tutti da percorrere e scoprire.

Siamo un po’ fuori allenamento e lungo i 750 chilometri che ci dividono da Innsbruck (Austria) ci fermiamo sette volte, una sosta ogni 100 chilometri.

Dopo un pranzo veloce nei pressi di Mantova ci godiamo l’autostrada abbracciata dalle meravigliose Dolomiti. Già una leggera pioggia ci dà il benvenuto da Bolzano verso nord, lì dove i paesaggi iniziano a diventare meravigliosi e i verdi prati delle Prealpi ci incantano.

Arriviamo alle 19:00 a Innsbruck dove ci dà il benvenuto la bellissima rampa di lancio per le gare di sci costruita per le Olimpiadi. Una città sorprendentemente silenziosa.
Arriva il treno, troviamo la nostra carrozza. Carichiamo la moto e siamo pronti. Ore 20:44 puntuale come un treno austriaco si parte, destinazione Amburgo Altona dove l’arrivo è previsto per le ore 9:30. Siamo alle porte del nostro lungo viaggio verso la punta più settentrionale dell’Europa.