Centro storico, quando le piazze erano coperte con lastroni

Centro storico, quando le piazze erano coperte con lastroni

Una volta la maggior parte di strade e piazze del centro storico di Viterbo erano coperte non dai sampietrini, oggi sempre più sconnessi e "volanti" ma da lastroni di pietra. Abbiamo ritrovato una foto del 1904 che mostra come era piazza delle Erbe.

ADimensione Font+- Stampa

La scelta di pavimentare le piazze e le vie del centro storico di Viterbo con i sampietrini si è rivelata un vero e proprio disastro. Specie nei tempi più moderni dove al posto dei sampietrini di una volta si stanno utilizzando dei surrogati poco profondi. Risultato? Saltano e la pavimentazione risulta piena di buche.

Un fattore di degrado molto grave, che rovina la bellezza dei luoghi più suggestivi di Viterbo. Una volta c’erano i lastroni, anche a piazza delle Erbe. Lo testimonia questo scatto del 1904. E’ possibile vedere intorno alla fontana dei leoni la pavimentazione a lastroni.

Poi qualcuno ha pensato bene di sostituirli e logicamente di farli sparire. La ricerca di dove sono finiti i lastroni che ricoprivano piazze e vie di Viterbo meriterebbe un’inchiesta. Si tratta infatti di un patrimonio della città sparito chissà come e chissà dove. Roba di valore di proprietà dei viterbesi e che non si trova più nelle disponibilità dei cittadini. Bisognerebbe andare a rivedere gli appalti per i lavori e ricostruire, a mano a mano, cosa è successo nei diversi interventi.

Il ritorno dei lastroni comunque rappresenterebbe un cambio d’immagine per il centro storico della città, eliminerebbe il problema dei sampietrini “volanti” e renderebbe necessarie scelte di limitazione del traffico veicolare. 

Decarta racconta la Tuscia