Viterbo Ambiente, il Tar sospende l’interdittiva antimafia

Viterbo Ambiente, il Tar sospende l’interdittiva antimafia

Ora tutto torna alla normalità, almeno fino a maggio. Sfuma quindi lo scenario di un commissario che, si era ipotizzato, avrebbe dovuto riscrivere il contratto in vista di un nuovo bando di gara.

ADimensione Font+- Stampa

Gestione rifiuti, cambia completamente lo scenario. Il Tar del Lazio ha sospeso l’interdittiva antimafia della Prefettura di Viterbo verso Viterbo Ambiente, accogliendo il ricorso presentato dalla società. A darne notizia è il quotidiano Tusciaweb.

Il provvedimento rimane sospeso fino al 3 maggio 2016, quando i giudici entreranno nel merito della vicenda. La decisione del Tribunale Amministrativo Regionale cambia completamente il quadro che si stava delineando su Viterbo e su Montefiascone. I due comuni serviti da Viterbo Ambiente.

Il servizio di raccolta rifiuti e igiene urbana infatti, dopo l’interdittiva del prefetto Rita Piermatti, stava andando avanti in situazione d’emergenza grazie alle specifiche ordinanze di Leonardo Michelini per Viterbo e Luciano Cimarello per Montefiascone.

Ora tutto torna alla normalità, almeno fino a maggio. Sfuma quindi lo scenario di un commissario che, si era ipotizzato, avrebbe dovuto riscrivere il contratto in vista di un nuovo bando di gara.