Tuscia Fim Fest, dove il cinema di qualità è di casa

Tuscia Fim Fest, dove il cinema di qualità è di casa

Metti una sera al cinema. Anzi, undici serate in un’arena naturale e affascinante qual è Piazza San Lorenzo. Torna l’edizione numero 15 del Tuscia Film Fest, rassegna dedicata alle pellicole di qualità italiane, che ogni anno cattura l’attenzione degli appassionati: dato confermato dalle 500 presenze medie certificate nella kermesse 2o17.

ADimensione Font+- Stampa

Metti una sera al cinema. Anzi, undici serate in un’arena naturale e affascinante qual è Piazza San Lorenzo. Torna l’edizione numero 15 del Tuscia Film Fest, rassegna dedicata alle pellicole di qualità italiane, che ogni anno cattura l’attenzione degli appassionati: dato confermato dalle 500 presenze medie certificate nella kermesse 2o17. Programma come al solito di livello e impreziosito dalla presenza di alcune star che dialogheranno con il pubblico. Presentazione nella sede della Banca di Viterbo che da tempo affianca la realizzazione del festival e che “lo sarà anche in futuro, quando cioè cambieremo nome in Banca Lazio Nord”, assicura il direttore generale Massimo Caporossi. “Una manifestazione importante – aggiunge il presidente Vincenzo Fiorillo – che per noi è un onore sostenere”.

il programma del Tuscia Film Fest 2018

Insomma ci sono i presupposti giusti per il creatore del TFF Mauro Morucci che, nel corso degli anni, è riuscito ad affiancare anche l’autunnale Italian Film Festival di Berlino. “Ci siamo posti un obiettivo molto alto – sottolinea – e cioè promuovere il nostro splendido territorio attraverso il cinema”. Concetto completamente condiviso dal neo sindaco Giovanni Arena: “Nei limiti delle scarse risorse a disposizione – conferma – noi ci saremo. Purché si mantenga  elevata la qualità della manifestazione. Credo che questa kermesse sappia farlo e pertanto merita tutto il nostro sostegno. Come pure, faciliteremo in ogni modo le riprese in città di Catch 22, il film di George Clooney che girerà alcune scene a Viterbo il 2 e il 3 agosto. Si tratta di una produzione di livello mondiale, di assoluto valore quindi. In passato, questo non sempre è avvenuto”.

L’edizione 2018 è caratterizzata soprattutto dal cinema italiano che ha trionfato a Cannes attraverso la presenza di Alice Rohrwacher che sulla Croisette ha ottenuto il riconoscimento per la migliore sceneggiatura per il film Lazzaro Felice e che riceverà (mercoledì 11 luglio) il premio Tuscia Terra di Cinema. In quello steso giorno sarà inaugurato il progetto Viterbo nel Cinema, promosso dall’assessorato comunale allo sviluppo economico e consistente in una serie di pannelli informativi sui luoghi del cinema (con la cinemappa e la nascita del sito www.tusciaterradicinema.it). Mentre sabato 7 sarà proiettato Dogman di Matteo Garrone alla presenza dei protagonisti Edoardo Pesce e la rivelazione Marcello Fonte, Palma d’Oro a Cannes.  Si parte il giorno precedente (venerdì 6) con la proiezione a ingresso gratuito della copia restaurata dal Centro sperimentale di cinematografia – Cineteca nazionale di Roma di Miseria e nobiltà, uno dei grandi classici della commedia italiana. Grande attesa poi per l’arrivo di Paola Cortellesi e del regista Riccardo Milani (coppia anche nella vita) che lunedì 9 in Piazza San Lorenzo parleranno di Come un gatto in tangenziale, mentre all’attrice verrà consegnato il Premio Pipolo Tuscia Cinema.

In rapida sequenza gli altri ospiti: il duo comico Corrado Nuzzo e Maria De Biase con la commedia Vengo anch’io; Raiz, cantante e frontman degli Almamegretta per presentare Ammore e malavita; La terra dell’abbondanza degli esordienti fratelli D’Innocenzo, già giudicato positivamente da critica e pubblico alla Berlinale; Marco Giallini, protagonista di Io sono Tempesta di Daniele Lucchetti; chiusura con Paola Randi che presenterà Tito e gli alieni.

Da segnalare ancora una mostra fotografica diffusa in 12 locali del centro storico per raccontare i luoghi del cinema e le eccellenze enogastronomiche  della Tuscia; il Premio Luigi Manganiello per ricordare l’ex presidente della Banca di Viterbo che per primo appoggiò il Tuscia Film Fest e il Mercatino dei bambini nel quale saranno venduti gadget, libri e mi manifesti autografato dagli attori dei film in programmazione con incasso devoluto all’Emporio solidale di Viterbo con amore. “Con il TFF – sintetizza Andrea De Simone, direttore di Confartigianato – riusciamo a dare valore aggiunto al nostro territorio e alle nostre Imprese”. “Siamo e continueremo ad essere – conclude Andrea Belli, presidente di Ance Viterbo – partner di eventi di qualità, nonostante la scarsità di mezzi che colpisce il settore edile”.

Per tutte le informazioni riguardanti programma e biglietti (è possibile anche acquistare la Fidelity Card che permette di ottenere un ingresso gratuito ogni quattro tagliandi acquistati) si può consultare il sito www.tusciafilmfest.com.