Terremoto, 25enne di Civita Castellana ritrovato senza vita tra le macerie

Terremoto, 25enne di Civita Castellana ritrovato senza vita tra le macerie

Manuel Marini era stato dato per dispero nelle prime ore dopo il sisma, poi l'amara scoperta. Un'altra coppia di viterbesi, invece, è sopravvissuta al terremoto ad Amatrice grazie all'armadio che gli ha fatto da scudo

ADimensione Font+- Stampa

In mezzo alle tantissime vittime del terremoto dell’altra notte nel reatino, iniziano a spuntare anche i nomi dei viterbesi coinvolti nella tragedia. Ieri erano stati diffusi i nomi di Anna Maria Masciolini e Luca Grondona, madre e figlio di Carbognano che si trovavano ad Amatrice per un passare un periodo di relax. Oggi il nuovo nome che spunta nell’elenco è quello del civitonico Manuel Marini.

Il 25enne di Civita Castellana era stato dato per disperso, ma recentemente è stato ritrovato senza vita sotto le macerie del sisma che ha tolto la vita a oltre 100 persone nella zona. Manuel si trovava con la sua famiglia a Pescara del Tronto, quando sono stati sorpresi dalla scossa notturna. I famigliari sono fuggiti in strada, ma di lui nessuna traccia fino a questo momento.

Per fortuna non arrivano solo brutte notizie dalle zone colpite dal terremoto. Un’altra coppia di viterbesi, Enzo e Lina, in vacanza ad Amatrice, infatti, è stata ritrovata incolume sotto le macerie della propria abitazione, salvati da un armadio che gli ha fatto da scudo e dalla bombola d’ossigeno che l’uomo usava per curare una sua patologia.

Ci sono volute 5 ore di lavoro per portare in salvo la coppia, che nel frattempo aveva allertato i soccorsi grazie a un cellulare presente nella stanza. L’armadio ha fermato i detriti a 30 centimetri dalle loro teste e gli ha permesso di sopravvivere a una delle più grandi tragedie italiane degli ultimi anni.

In queste ore è andato a fare visita alla coppia don Emanuele Germani e la telefonata del vescovo Lino Fumagalli che ha voluto rivolgergli un caloroso abbraccio.

 

Banner
Banner
Banner