Sergio Pirozzi candidato a governatore del Lazio, la notizia potrebbe arrivare il 24 ottobre

Sergio Pirozzi candidato a governatore del Lazio, la notizia potrebbe arrivare il 24 ottobre

Sergio Pirozzi candidato a presidente della Regione Lazio. I giornali e le agenzie battono da ieri pomeriggio l'indiscrezione. Il diretto interessato non conferma né smentisce. Se la ride.

ADimensione Font+- Stampa

Sergio Pirozzi candidato a presidente della Regione Lazio. I giornali e le agenzie battono da ieri pomeriggio l’indiscrezione. Il diretto interessato non conferma né smentisce.

Il Tempo – uno dei giornali che più ha seguito la prospettiva di una candidatura del sindaco di Amatrice al vertice della Pisana, come capo di una coalizione di centrodestra – lo contatta a tarda serata. Con la tipografia che fa storie per l’orario tardo e il giornale ancora da chiudere. Lui ridacchia: “Ma vi pare che annuncio la candidatura così alla chetichella? Ma secondo voi è vero che mi candido?”. Poi ride. Così il giornalista insiste: “La lista civica la fa oppure no?”. Risposta: “Non lo so, ancora non lo so”. E ride.

A fare “impazzire” i giornali c’è un post sulla pagina Facebook del diretto interessato. Pubblicato intorno alle 15 di ieri. Post con cui lancia la presentazione del suo libro: ‘La scossa dello Scarpone. Anatomia di una passione sociale’.

Cosa dice? Dà appuntamento a tutti per martedì 24 ottobre, al Salone Tre Fontane dell’Eur. Ma è l’attacco che solletica le fantasie: “Vi aspetto,ci potrebbero essere Novità”. Scritto appunto con la “N” in grande.

Da tempo si parla di Pirozzi come candidato per la guida della Regione, con una propria lista civica (che potrebbe chiamarsi proprio o ‘Lo Scarpone‘ o ‘Sergio Pirozzi Presidente’) unita alle forze e movimenti del centrodestra. Una candidatura che punterebbe a incassare il sostegno di diversi sindaci del Lazio. I più virtuosi pronti a giocare la partita con lui.

E così si scommette che la “Novità” del 24 ottobre possa essere proprio questa: l’annuncio dell’ingresso in campo. Se l’indiscrezione diventasse notizia Pirozzi si troverebbe a fronteggiare Nicola Zingaretti per il centrosinistra e Roberta Lombardi per il Movimento Cinque Stelle.

 

Decarta racconta la Tuscia