San Faustino e San Pellegrino sorvegliati speciali, raffica di controlli delle forze dell’ordine

San Faustino e San Pellegrino sorvegliati speciali, raffica di controlli delle forze dell’ordine

Più controlli nel centro storico di Viterbo, con particolare attenzione a zone con maggiori criticità come San Faustino e San Pellegrino.

ADimensione Font+- Stampa

Più controlli nel centro storico di Viterbo, con particolare attenzione a zone con maggiori criticità come San Faustino e San Pellegrino. Nei giorni scorsi sono scattate una serie di verifiche, pattugliamenti e posti di controllo della polizia. Il tutto all’interno del dispositivo di sicurezza pianificato dalla Questura, che punta a mantenere alta l’attenzione su furti in appartamento e altri reati: che vanno dallo spaccio di droga agli atti vandalici.

Soprattutto il quartiere di San Faustino è diventato una sorta di sorvegliato speciale, considerando anche le denunce di molti residenti che lamentano condizioni di vita ai limiti della sopportazione. Questo a causa dell’aumento dei fenomeni di spaccio e prostituzione.

Nell’occasione gli equipaggi del reparto prevenzione crimine e della Stradale hanno utilizzato gli avanzati sistemi “Mercurio” e “ScoutNav”, che consentono di verificare in tempo reale i dati dei mezzi e gli intestatari, oltreché eventuali provvedimenti amministrativi pendenti. Nei quartieri di San Faustino e San Pellegrino sono stati controllati i locali pubblici e sono state sottoposte ad accertamenti 132 persone, alcune delle quali extracomunitarie e 72 automezzi. Gli agenti della Digos hanno sottoposto a specifici controlli le attività commerciali internet-point e money-transfer mentre il personale della Squadra Mobile ha verificato minuziosamente le prescrizioni imposte ai soggetti agli arresti domiciliari.

Un’operazione importante per la sicurezza dei cittadini, completata dall’intensificata presenza nelle zone più critiche di poliziotti appiedati.

Banner
Banner
Banner