“Palazzo dei Priori trovi uno spazio per esporre stabilmente la Viterbo in miniatura di Giulio Bernabucci”

“Palazzo dei Priori trovi uno spazio per esporre stabilmente la Viterbo in miniatura di Giulio Bernabucci”

E' il sogno di questo ragazzo di 82 anni, ma anche di tanti suoi fan che sono rimasti colpiti dalla bellezza e dal significato del lavoro costruito negli anni. Con passione, amore e talento.

ADimensione Font+- Stampa

Trovare uno spazio per una mostra permanente della Viterbo in miniatura realizzata dall’artista Giulio Bernabucci. E’ il sogno di questo ragazzo di 82 anni, ma anche di tanti suoi fan che sono rimasti colpiti dalla bellezza e dal significato del lavoro costruito negli anni. Con passione, amore e talento.

Bernabucci è uno che ama la città dei papi, ma anche uno che ha saputo trasformare questo sentimento in maniera plastica. E’ l’autore dei Presepi esposti durante quest’ultimo mese all’interno del duomo, quelli che hanno lasciato a bocca aperta tanti turisti e viterbesi. Una sequenza di “scenari” che riproducono scorci della città capoluogo e delle sue frazioni nei minimi dettagli e che sono stati messi in mostra arricchiti dai personaggi della Natività.

Su Facebook è stata aperta anche la pagina ‘I Presepi di Giulio Bernabucci’, dove proprio in queste ore è stato pubblicato un post molto chiaro: “Anche questa esperienza è giunta al termine. Gli scenari sono stati smontati e riposti al loro posto, la speranza di trovare un luogo per una mostra permanente si accentua sempre di più”. E tra i sostenitori dell’idea c’è chi ha lanciato un chiaro appello, sempre tramite i social. E’ il caso di Valerio Gagliassi: “Oggi sono tornati in un soppalco ad ammuffirsi. Il sogno di questo ragazzo di 82 anni sarebbe quello di lasciarli in una mostra permanente, così i turisti che verranno potranno osservare le miniature e i luoghi che andranno a visitare dal vivo della nostra città. Cerchiamo qualcuno che ci potrebbe aiutare a trovare un luogo dove mettere queste opere. Esistono dei luoghi di proprietà comunale o vescovile disponibili per queste attività”.

La Fune ha deciso di rilanciare e sostenere questo appello, invitando i consiglieri comunali (di maggioranza o opposizione poco importa) a farlo proprio e a lavorare nella direzione di esaudire il desiderio di Bernabucci. Come gesto di riconoscimento per tutto questo sentimento per la città di Viterbo ma anche perché l’idea è sicuramente intelligente e utile ai fini del miglioramento e arricchimento dell’immagine turistica e di bellezza della città. Invitiamo i sostenitori dell’iniziativa a scriverci, all’indirizzo [email protected], per contribuire con un pensiero a dare voce a questa prospettiva.

Banner
Banner
Banner