Le strade della Tuscia sprofondano in una miriade di buche e voragini

Le strade della Tuscia sprofondano in una miriade di buche e voragini

Non ci sono più. Interi tratti sono andati in pezzi. Sono le strade di mezza Tuscia, in una situazione inaccettabile. Tante le spaccature di gomme, cerchioni, assi. Se abiti nel Viterbese o ci transiti conviene mettere in conto il rischio rotture del proprio mezzo. Se hai una moto tienila in garage, potresti rimetterci le penne. 

ADimensione Font+- Stampa

Non ci sono più. Interi tratti sono andati in pezzi. Sono le strade di mezza Tuscia, in una situazione inaccettabile. Tante le spaccature di gomme, cerchioni, assi. Se abiti nel Viterbese o ci transiti conviene mettere in conto il rischio rotture del proprio mezzo. Se hai una moto tienila in garage, potresti rimetterci le penne. 

La situazione è critica da tempo. Il rischio è alto, soprattutto per le buche e le voragini. Ma spesso manca completamente anche la segnaletica orizzontale e questo rende la circolazione particolarmente difficile e pericolosa soprattutto col buio.

La Provincia di Viterbo non regge il passo dell’usura e dello sfaldamento. I comuni latitano e fanno orecchie da mercante. Il tutto sula pelle dei cittadini, impotenti. E magari una mattina ti alzi per andare al lavoro e guadagnare 50 euro e ti trovi con un danno alla macchina da 300. Il guadagno del “ca*zo”, qualcuno direbbe. E qualcuno purtroppo ogni giorno usa la detta locuzione.

La situazione è stata resa ancora più critica dalla recente nevicata. Interi pezzi di asfalto sono saltati e la profondità di grosse buche e anche di qualche decina di centimetri. Roba da chiuderle le strade, se ci fosse qualcuno con un senso di responsabilità. 

 

 

Decarta racconta la Tuscia