Canile di Bagnaia, Troili (e i bagnaioli) sollevano perplessità sull’ubicazione in località Nove Pani

Canile di Bagnaia, Troili (e i bagnaioli) sollevano perplessità sull’ubicazione in località Nove Pani

Canile di Bagnaia, i residenti della frazione hanno perplessità sulla struttura di via Nove Pani. Il consigliere Arduino Troili (Pd) scrive, in merito, all'assessore competente Luisa Ciambella. Una lettera inviata, per conoscenza, anche al sindaco di Viterbo Leonardo Michelini e agli uffici del Settore Patrimonio.

ADimensione Font+- Stampa

Canile di Bagnaia, i residenti della frazione hanno perplessità sulla struttura in località Nove Pani. Il consigliere Arduino Troili (Pd) scrive, in merito, all’assessore competente Luisa Ciambella. Una lettera inviata, per conoscenza, anche al sindaco di Viterbo Leonardo Michelini e agli uffici del Settore Patrimonio.

“Carissima, come ebbi modo di dire in Consiglio Comunale, la popolazione di Bagnaia anche per un problema di comunicazione non è favorevole a ospitare il canile di cui all’oggetto per la grande preoccupazione in merito allo stato delle acque sorgive presenti, alle costruzioni realizzate, al rispetto del fosso, e al così mi dicono taglio degli alberi che una volta erano presenti. Ecco perché ti chiedo di conoscere le osservazioni e prescrizioni dell’ARPA in questi anni, soprattutto dal 2005 a oggi. Ritengo sia utile chiedere le analisi delle acque effettuate dalla fine degli anni ’90 a oggi a cura di Talete s.p.a.

Mio compito primario è quello di tranquillizzare la popolazione bagnaiola e cercare di offrire ai nostri amici animali un luogo per loro vivibile nel rispetto degli altri animali uomini compresi”. Questo il testo scritto da Troili che pone ulteriori problemi sulla già complessa questione del futuro del canile comunale.

Banner
Banner
Banner