Verde pubblico, 15 domande brucianti di Viterbo Civica all’amministrazione Michelini

Verde pubblico, 15 domande brucianti di Viterbo Civica all’amministrazione Michelini

Verde pubblico, sicuri che quanto accade in città sia tutto normale? Se lo è chiesto Viterbo Civica che, dopo varie verifiche, ha deciso di "sparare" quindici domande fumanti all'amministrazione Michelini.

ADimensione Font+- Stampa

Verde pubblico, sicuri che quanto accade in città sia tutto normale? Se lo è chiesto Viterbo Civica che, dopo varie verifiche, ha deciso di “sparare” quindici domande fumanti all’amministrazione Michelini.

L’associazione di cittadini chiede di conoscere alcuni aspetti dell’appalto milionario. Riproponiamo l’intero ragionamento.

 

 

“Girando dentro Viterbo lo spettacolo è desolante, vediamo ovunque che il verde, colore principale dei parchi, in realtà è stato sostituito dal giallo, dal degrado e dall’abbandono. Ma andiamo per ordine: l’appalto del verde, a quanto ci è dato sapere, si aggira sul milione di euro, cifra già erogata dopo regolare vincita dell’appalto, e fino a qui tutto fila.

Ma quello che non si comprende è quanto segue: 1) Come mai si tengono gli irrigatori spenti nei mesi estivi, quando è necessario, e sono in funzione nei periodi invernali, che non serve, come spesso denunciato da Viterbo Civica?
Sarà forse probabile che debbono giustificare il consumo di acqua, in quanto è previsto nel contratto il servizio di irrigazione?

Forse evitano di irrigare in estate per effettuare meno tagli, in quanto il pratino non cresce, per non imbattersi in maggiore manutenzione e maggiori spese?

2) Come mai girando tutta la città in questo particolare periodo abbiamo trovato solo 2 operai al lavoro?

3) Come mai su tre aziende che gestiscono l’appalto solo l’azienda viterbese fa comunque girare due operai? Gli operai dell’azienda di Albinia dove sono? Gli operai della cooperativa del lago di Vico dove sono?

4) Come mai ci sono viali alberati che vengono potati 2 volte in un anno, vedi fuori porta Fiorentina e di contro ci sono alberi che non vengono potati da almeno 4 anni?

5) Come mai ci sono aree fatte bene, altre aree lasciate a metà e infine aree completamente abbandonate? (come si può notare dalle foto)

6) Come mai le ex aree Panta CZ sono manutenzionate mentre sembra, e speriamo di sbagliarci, che non vi siano gare di affidamento a ditte, ma, sempre sembra, che siano stati affidati direttamente? Al tempo dell’affidamento alla Panta CZ fu imposta una gara, come mai ora sembra non sia stata effettuata nessuna gara?

7) Come mai ci sono molti prati tagliati a metà e in molti di essi non risultano fatti i bordi? Eppure non ci risulta che una amministrazione paga le cose a metà…

8) Come mai Pratogiardino è lasciato nell’abbandono più totale, e saltuariamente il Comune provvede con i propri cantonieri, nonostante un affidamento a ditta privata, che purtroppo possono fare poco e nulla, e inoltre sono costretti a lasciare la potatura in terra perché non autorizzati al trasporto?

9) Come mai si lascia Pratogiardino senza irrigazione con conseguente degrado di siepi e pratini in quanto l’impianto di irrigazione necessita di un controllo giornaliero? Perché non si è in grado di garantire questo controllo?

10) Come mai si tiene del personale fisso dentro porta Fiorentina (ex porta Santa Lucia), per controllare i bagni pubblici, in pratica a fare nulla, mentre potrebbe essere utilizzato per tenere in ordine il nostro primo parco cittadino?

11) Se qualcuno chiedesse di visionare i rapporti dei lavori eseguiti delle aziende preposte alla tutela del verde, vi è un dirigente in grado di fornirli o porli in visione? (Trasparenza Amministrativa)

12) In caso negativo, non sarà il caso di fare pressioni sui dirigenti preposti per stimolarli ad avere un controllo più capillare sulla manutenzione del verde pubblico?

13) Come mai siamo spesso costretti a vedere i marciapiedi pieni di erbacce che non vengono puliti da chi di dovere?
Come mai alcuni marciapiedi diventano usufruibili grazie alla volontà di qualche extracomunitario che si ingegna a rendere la città più vivibile?

14) Come mai mentre i prati pubblici che si seccano vi è tanta dispersione di acqua dovuta a grosse falle che da settimane nessuno si prende l’onere di controllare e soprattutto di riparare?

15) Come mai spesso si preferisce ricorrere al diserbante, forse anche in forma illegale, con notevoli danni a persone e animali?

Queste sono quindici semplici domande che rivolgiamo all’amministrazione, sperando di avere risposte a breve dagli assessori Tofani e Saraconi predisposti a tale servizio pubblico”.