Terme del Paliano: a pagare i servizi saranno i cittadini

Terme del Paliano: a pagare i servizi saranno i cittadini

Piano Particolareggiato del Paliano, i Cinque Stelle contrari su quanto è stato deciso dalla maggioranza Michelini.

ADimensione Font+- Stampa

Piano Particolareggiato del Paliano, i Cinque Stelle contrari su quanto è stato deciso dalla maggioranza Michelini.

“Da sempre il progetto delle terme del Paliano ci vede contrari e perplessi e unici a votare contro in consiglio comunale – scrivono i pentastellati in una nota stampa -.

Questo non perché contrari allo sviluppo termale nella nostra città ma perché contrari al tipo di sviluppo previsto con questo progetto che non risponde secondo noi ai criteri più moderni di approccio nei confronti del territorio e soprattutto per l’inserimento di cubature residenziali in un progetto termale che dista chilometri dal centro abitato e che rischia di creare un nuovo
quartiere periferico difficilmente gestibile dal comune, urbanisticamente parlando, con tutti i problemi che, ne siamo purtroppo certi viste le numerose simili esperienze, si verranno a creare.

Ma si è secondo noi aggiunto al danno la beffa perché lo schema di convenzione approvato dalla maggioranza prevede che le opere di impianti quali depuratore, strade, illuminazione, fognature ecc. di un’area che nasce come investimento commerciale termale saranno “gratuitamente”
cedute al comune.

Quindi i viterbesi si troveranno a dover pagare per impianti e servizi di un’area che non è un quartiere cittadino ma un’impresa privata. Avevamo proposto di scongiurare tale evento chiedendo di lasciare al lottizzante la proprietà degli impianti, strade e aree verdi ma la maggioranza a
guida Pd ha deciso di non accogliere la nostra proposta.

Quindi a parte un semplice contentino che prevede che tali impianti passino al comune dopo solo 10 anni, tra l’altro proprio quando gli effetti dell’usura saranno probabilmente più evidenti e necessari di interventi, il comune ha deciso che a pagare i costi saranno i viterbesi al posto del lottizzante”.

Natale Viterbo