Scarpinata della Teverina “Winter Edition”, organizzata da Tuscia Trekking

Scarpinata della Teverina “Winter Edition”, organizzata da Tuscia Trekking

Sui meravigliosi sentieri che lo scorso aprile hanno visto svolgersi la prima edizione della “Scarpinata”, con grande successo di affluenza e di consensi, Tuscia Trekking Experience, propone per il giorno 8 dicembre l’edizione invernale della manifestazione.

ADimensione Font+- Stampa

Sui meravigliosi sentieri che lo scorso aprile hanno visto svolgersi la prima edizione della “Scarpinata”, con grande successo di affluenza e di consensi, Tuscia Trekking Experience, propone per il giorno 8 dicembre l’edizione invernale della manifestazione.

Alcune novità, molto interessanti attendono i partecipanti. Infatti accanto al percorso ormai collaudato di 27 chilometri, un anello più corto di circa 11 con stesso luogo di partenza e stesso punto di ritrovo all’arrivo
è stato messo a punto dallo staff. 

Anche il senso di percorrenza è stato invertito per cercare di utilizzare al meglio le ore di luce e camminare
il più possibile verso il sole. La partenza è situata a Grotte Santo Stefano, in Piazza dell’Unità, da qui il percorso attraversa per un breve tratto le vie del paese, dove inizia a scendere su sentieri e strade sterrate, verso il bosco di Piantorena nella valle del fiume Rigo.

All’inizio del bosco i due percorsi si separano. Quello lungo, dopo aver attraversato il sito archeologico del SS Salvatore, continua a scendere verso il fiume che sarà attraversato con un ponte mobile allestito dagli organizzatori. Da qui, si inizia a salire verso il Santuario della Madonna del Castellonchio, dove sarà allestito un punto di ristoro, si raggiungere poi Sant’Angelo e dopo aver percorso vecchie strade e boschi, si arriva alla “perla nascosta della Tuscia”, il meraviglioso borgo di Roccalvecce.

Dopo la meritata sosta si inizia a scendere di nuovo nella vallata del fiume Rigo per poi risalire verso il quartiere di Magugnano fino a giungere all’arrivo, dove sarà allestito un simpatico “pastaparty”. Il percorso più breve, dal bosco di Piantorena, si snoda su sentieri e strade sterrate e conduce fin sotto la misteriosa Pietra dell’Anello, formazione geologica molto particolare conosciuta fin dall’antichità. Da qui si ricollega al percorso originario e si giunge quindi al quartiere già citato di Magugnano.

I percorsi sono tracciati con segnaletica orizzontale e verticale di diverso colore per garantire ai partecipanti la possibilità di scegliere e camminare in sicurezza. Maggiori dettagli e regolamento della manifestazione sono consultabili sul sito www.tusciatrekkingexperience.it dove è possibile anche effettuare l’iscrizione on line.