Regionali, il centrodestra cerca di superare Pirozzi. Tra i candidati in ballo per la presidenza Rampelli e Ciocchetti

Regionali, il centrodestra cerca di superare Pirozzi. Tra i candidati in ballo per la presidenza Rampelli e Ciocchetti

Regionali, a destra sono in atto i grandi movimenti. A pochi mesi dal voto per il rinnovo della presidenza e del consiglio della Regione Lazio è tutto un inseguirsi di voci.

ADimensione Font+- Stampa

Regionali, a destra sono in atto i grandi movimenti. A pochi mesi dal voto per il rinnovo della presidenza e del consiglio della Regione Lazio è tutto un inseguirsi di voci.

La candidatura di Sergio Pirozzi, attuale sindaco di Amatrice, resta quella che sembrerebbe avere più appeal presso l’elettorato. Un elettorato sempre più stanco dei politici “classici” e alla ricerca di altre forme di leadership. E nell’era della centralità della comunicazione Pirozzi sembra essere, agli occhi di molti, il candidato ideale. Quello in grado potenzialmente di riportare il centrodestra alla guida della Regione.

Ma Pirozzi non sarebbe gradito agli ambienti del centrodestra romano, che starebbero lavorando per dirottarlo verso altri lidi (Senato?). Così da fare rientrare nel ballo volti noti della politica laziale. L’asse pare destinato a essere quello composto da Fratelli d’Italia, Forza Italia e Noi con Salvini. E i nomi circolanti sono quello di Fabio Rampelli (Fratelli d’Italia) e quelli di Francesco Giro e Claudio Fazzone, che sarebbero stati indicati da Antonio Tajani in persona.

Ma la sintesi potrebbe arrivare su un altro candidato, legato alla parte del centrodestra che fa capo a Raffaele Fitto e risponderebbe al nome di Luciano Ciocchetti. Ciocchetti già ex vicegovernatore del Lazio potrebbe rappresentare una sintesi tra l’ala forzista e Fratelli d’Italia e una proposta convincente anche per Noi con Salvini.