Reddito d’inclusione, l’assessore ai Servizi Sociali Troncarelli spiega le modalità di accesso

Reddito d’inclusione, l’assessore ai Servizi Sociali Troncarelli spiega le modalità di accesso

Rei, dal primo dicembre possibile richiedere l'accesso al reddito di inclusione. L'assessore ai Servizi Sociali del Comune di Viterbo Alessandra Troncarelli fornisce tutte le informazioni utili per il sostegno.

ADimensione Font+- Stampa

Rei, dal primo dicembre possibile richiedere l’accesso al reddito di inclusione. L’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Viterbo Alessandra Troncarelli fornisce tutte le informazioni utili per il sostegno.

“Dal primo dicembre può essere richiesto il Reddito d’Inclusione (REI), ritengo utile fornire alcune informazioni e indicazioni circa e le modalità di presentazione della domanda presso il Comune di Viterbo, in considerazione del fatto che si tratta di uno strumento finalizzato all’inclusione sociale e al percepimento di un beneficio economico che interessa un numero elevato di cittadini – spiega l’assessore in una nota stampa -.

Preciso, innanzi tutto, che vi possono accedere cittadini appartenenti all’Unione Europea o di altri Paesi, questi ultimi però in possesso di permesso di soggiorno di lunga durata, tutti residenti in Italia da almeno due anni.

Tra questi rientrano i nuclei familiari all’interno dei quali siano presenti almeno un minorenne, o una donna in stato di gravidanza (almeno al quinto mese), o disabili con genitore/tutore, o un over cinquantacinquenne disoccupato.

Naturalmente i soggetti in questione non devono essere già beneficiari di ammortizzatori sociali di sostegno al reddito o NASPI e devono possedere tutti e quattro i seguenti requisiti economici: ISEE di valore non superiore ai 6.000 €; ISRE non superiore ai 3.000 €; un patrimonio immobiliare, esclusa la “prima casa”, non superiore ai 20.000 €; un patrimonio mobiliare (depositi bancari, conto corrente, ecc.) non superiore ai 10.000 €.

In realtà i requisiti sono un po’ più complessi ma consiglio, verificate le condizioni che ho elencato, di rivolgersi ai nostri uffici per tutti i chiarimenti del caso. Ovviamente la domanda di accesso al REI può essere presentata presso gli uffici dell’Assessorato alle Politiche Sociali, in via del Ginnasio 1, nei giorni lunedì/mercoledì/venerdì dalle 10 alle 12 e il martedì e giovedì dalle 15 alle 17.

Per evitare disagi abbiamo organizzato un sistema di numerazione eliminacode e potenziato il servizio delle Assistenti Sociali, pertanto sarà sufficiente recarsi presso gli uffici, muniti di documento d’identità, Codice Fiscale, Attestazione ISEE, libretto di circolazione degli autoveicoli e motoveicoli intestati e effettuare il colloquio. Voglio ricordare, in fine, che il REI non ha scadenza e può essere attivato in qualsiasi momento dell’anno”.