Michelini detta la linea sui rifiuti, poi maggioranza e opposizione condividono la road map

Michelini detta la linea sui rifiuti, poi maggioranza e opposizione condividono la road map

Rifiuti, Michelini detta la ricetta per superare le difficoltà: chiusura di 9 isole di prossimità, raddoppio del servizio di spazzamento in centro e un capitolo per la pulizia del guano dei piccioni. Ma anche protocollo rifiuti zero, un nuovo ecocentro e più controlli su chi devasta le isole

ADimensione Font+- Stampa

Rifiuti, Michelini detta la ricetta per superare le difficoltà: chiusura di 9 isole di prossimità, raddoppio del servizio di spazzamento in centro e un capitolo per la pulizia del guano dei piccioni. Ma anche protocollo rifiuti zero, un nuovo ecocentro e più controlli su chi devasta le isole. Un consiglio straordinario all’insegna della positività e del nuovo clima inaugurato già dalla mattina in Commissione. L’obiettivo da qui a 10 giorni è infatti quello di approvare il bilancio consuntivo 2015 senza problemi per evitare di cadere in infrazioni che possono portare fino alla caduta del Comune.

E così dopo un pomeriggio iniziato con qualche piccola tensione dovuta alla modalità di convocazione del Consiglio “d’ufficio” da parte del presidente Marco Ciorba, si è risolto tutto grazie ad una lunga Conferenza dei Capigruppo nella quale si è discusso dell’organizzazione delle prossime sedute (tra le cose decise anche lo spostamento a data da destinarsi del Consiglio straordinario di venerdì 22 dedicato alle frazioni).

Usciti dalla Capigruppo maggioranza e opposizione hanno trovato la quadra su un documento che guarda anche al protocollo dei rifiuti zero, agli ecocentri per favorire la riapertura di quello alla Volpara e l’apertura di uno nuovo, all’estensione del porta a porta nelle zone C colpite da abbandoni abusivi e più controlli.

Michelini dalla sua ha parlato del contratto con Viterbo Ambiente, commissariata, dicendo che ora è il momento di intervenire “perché con il commissario è più semplice rispetto che con un amministratore delegato che aveva subito le nostre numerose penalizzazioni”. E così Michelini ha annunciato che sarà trattata qualche miglioria al contratto, tra cui quella dell’eliminazione di 9 isole di prossimità vicine alle strade provinciali “perché gli abusivi sono di altri comuni e non di Viterbo”, della pulizia del guano da piccioni e il raddoppio dello spazzamento nel centro storico. “Siamo diventati una città turistica aumentando la domanda – ha detto – non dobbiamo deludere chi viene in Città”.