La discussione sul bilancio è quasi un piagnisteo. Sindaco e vice: “Non ci sono soldi”

La discussione sul bilancio è quasi un piagnisteo. Sindaco e vice: “Non ci sono soldi”

Le carte del bilancio arrivano tardi e non c'è spazio per i tecnicismi. Ciambella e Michelini aprono all'opposizione. Ritorna in Consiglio Arduino Troili e Melissa Mongiardo sollecita l'intervento sulla Fontana Sfera.

ADimensione Font+- Stampa

La discussione sul bilancio è quasi un piagnisteo. Sindaco e vice spiegano: “Non ci sono soldi”. La discussione sul preventivo 2016 si è aperta questa mattina in Consiglio comunale con la relazione dell’assessore Luisa Ciambella e l’intervento del sindaco Leonardo Michelini. Grande assente il Peg, ovvero il piano esecutivo di gestione (il bilancio vero e proprio), arrivato dopo 2 ore e mezza di dibattito. L’assessore al bilancio Luisa Ciambella, oltre a raccontare ciò che è stato fatto negli anni passati, ha cercato la collaborazione con la minoranza: “Iniziamo a giocare in squadra e facciamo rete, è un momento complicato – ha detto – al di là delle barricate politiche. È un momento in cui non ci sono risorse”. “Non ci sono più ha ribadito il sindaco Michelini – i bilanci che fanno i miracoli. Non c sono le risorse”.

Di tutto si è parlato, però, tranne che del bilancio preventivo 2016, le cui carte sono arrivate molto tardi. Sono stati indicate però le linee programmatiche: impianti sportivi, iniziative culturali, terme, Poggino.

Da segnalare il ritorno in aula dopo mesi di Arduino Troili, consigliere dissidente del Partito Democratico: “Non capire che le frazioni sono una risorsa è da zuccaroni. Avete distrutto i miei sogni, per me l’esperienza era finita. Sono qui per ascoltare”.

Al via poi le relazioni degli assessori, ma è tardi e fa in tempo a parlare solo Raffaella Saraconi che fa capire che la musica non cambia. Per Pratogiardino, ad esempio, ci sono i soliti 33mila euro, che tornano, più altri fondi per la progettazione. “È imbarazzante la cifra di 33mila euro, faremo un emendamento”. “Noi – ha aggiunto Giulio Marini – mettemmo 150mila euro”. Quanto ai fondi europei Raffaella Saraconi risponde alle critiche: “Il mio settore sta rispondendo alle ‘call’ dell’Europa”. Ma forse è l’unico a farlo.

Dall’opposizione le critiche principali sono arrivate soprattutto per la mancanza delle carte sulle quali discutere. “Avete lanciato caramelle a destra e sinistra – ha commentato Sergio Insogna – ma non ci sono i numeri”. “Avete parlato del nulla”, ha aggiunto Luigi Buzzi. “Come tre anni fa non ci sono le carte – ha commentato Gianmaria Santucci -. Dove è finita l’imposta di soggiorno? Il Pef per le tariffe sui rifiuti chi l’ha fatto? Domande senza risposta”. “A cosa serve accontentare quello o quell’altro consigliere? – domanda Giancluca De Dominicis – Stiamo parlando del nulla”. “Come facciamo – ha detto Giulio Marini – a fare sintesi tra maggioranza e opposizione se non ci sono i numeri e se non fate sintesi nemmeno tra voi?”

Dalla maggioranza il sollecito di Melissa Mongiardo sulla Fontana Sfera: “Non ci sono risorse sul Peg – ha detto al sindaco che si era impegnato per la sua riqualificazione – Spero che in questo bilancio possa esserci il reale impegno per portare a compimento quest’opera”.

Tempo finito, tutti a casa. Per presentare gli emendamenti c’è tempo fino martedì 17 maggio alle 9. Alle 9.30 poi l’inizio della discussione.