Fioroni celebra il 25 ricordando l’autore della “Preghiera del Ribelle”

Fioroni celebra il 25 ricordando l’autore della “Preghiera del Ribelle”

Nelle pagine del periodico Il Ribelle, sotto lo pseudonimo di "Cursor”, Olivelli espresse il suo concetto di Resistenza; essa è "rivolta dello spirito" alla tirannide, alla violenza, all'odio.

ADimensione Font+- Stampa

L’onorevole Fioroni ricorda il 25 aprile ricordando la figura di Teresio Olivelli, autore della “Preghiera del Ribelle”.

Di seguito qualche breve cenno sull’autore della “Preghiera del Ribelle”, Teresio Olivelli.

Teresio Olivelli nacque a Bellagio 1916 da una famiglia benestante, è stato un docente e partigiano italiano, medaglia d’oro al valor militare.
Frequentò il ginnasio a Mortara ed il liceo a Vigevano;  si iscrisse poi all’Università di Pavia in giurisprudenza. Già dal tempo degli studi superiori, molto legato allo zio arciprete Rocco Invernizzi, iniziò a partecipare ad attività di organizzazioni cattoliche come l’Azione Cattolica.
Dopo aver frequentato la Facoltà di Giurisprudenza , si illuse di poter modificare il regime fascista dall’interno, dandogli un’anima di autentica giustizia umana e sociale.
Durante il periodo della Resistenza  fu fatto prigioniero dai tedeschi ed inviato al carcere di Innsbruck; dopo ben otto tentativi , riuscì finalmente ad evadere dal carcere e, tornato a Brescia , si aggregò alle Brigate Fiamme Verdi. Fu incaricato di tenere i contatti fra i partigiani delle provincie di Brescia e Cremona e Milano.
 Da un incontro con Claudio Sartori e con Carlo Bianchi,  a Milano, nacque il giornale Il Ribelle, organo di stampa del movimento, il primo numero del quale vide la luce il 5 marzo del 1944. La redazione de Il Ribelle produsse complessivamente 26 numeri del giornale ed 11 quaderni monografici.
Nelle pagine del periodico, sotto lo pseudonimo di “Cursor”, Olivelli espresse il suo concetto di Resistenza; essa è “rivolta dello spirito” alla tirannide, alla violenza, all’odio.
Morì il 17 gennaio 1945.

Cordiali saluti
Giuseppe Fioroni

Decarta racconta la Tuscia