Congresso Pd, salta la coppia storica Serra-Mancinelli

Congresso Pd, salta la coppia storica Serra-Mancinelli

Serra, anche lui “renziano” della prima ora, si è posizionato a sostegno della Benedetti. Mancinelli invece con Egidi. Con questo quadro diventa difficile ipotizzare che il congresso provinciale possa chiudersi con gli stessi numeri locali della sfida Renzi (60%)-Orlando (36,7%).

ADimensione Font+- Stampa

 

Partito Democratico, il congresso è alle porte e salta la “coppia” storia Francesco Serra – Sandro Mancinelli.

Il voto per il rinnovo della segreteria provinciale entro il 26 di ottobre ma prima dovranno svolgersi i congressi dei vari circoli della provincia. Ieri la presentazione delle liste a sostegno di Andrea Egidi, in corsa per portare a casa il terzo mandato. Una candidatura “renziana”. Così come è messo chiaro e tondo sui simboli delle liste “per Egidi segretario”.

Dall’altra parte la sua vicesegretaria e oggi sfidante: Manuela Benedetti. Su di lei un appoggio trasversale. C’è tutto il blocco “panunziano”, che all’ultimo congresso nazionale sostenne Andrea Orlando, ma anche vari pezzi di “renzismo”. Per l’esattezza i “renziani” viterbesi della prima ora. Quelli che da tempo hanno iniziato a nutrirsi di “pane e Leopolda”. Con la Benedetti troviamo Piazza Democratica, che trova il suo rappresentante in Massimo Pistilli. Mentre non c’è Alessio Trani, al fianco di Egidi. Ma soprattutto questo congresso, e le sue dinamiche, fanno saltare un’altra coppia storia della politica viterbese: Francesco Serra e Sandro Mancinelli.

Serra, anche lui “renziano” della prima ora, si è posizionato a sostegno della Benedetti. Mancinelli invece con Egidi. Con questo quadro diventa difficile ipotizzare che il congresso provinciale possa chiudersi con gli stessi numeri locali della sfida Renzi (60%)-Orlando (36,7%).

Perché al gruzzolo “orlandiano” andrebbe sommata anche una quota parte dei voti che allora finiro su Renzi, abbassando la percentuale a favore di Egidi e alzando quella a sostegno della Benedetti. Una partita interessante.

Natale Viterbo