Centrale Enel di Montalto, c’è un vincitore del bando Futur-E. Il domani della costa viterbese è nello sviluppo turistico

Centrale Enel di Montalto, c’è un vincitore del bando Futur-E. Il domani della costa viterbese è nello sviluppo turistico

MONTALTO - Prende forma il futuro dell'area dove oggi sorge la centrale Enel. 250 ettari che sono destinati a essere restituiti al territorio. Attualmente l'area della centrale comprende tre sezioni: le quattro caldaie termoelettriche, i 20 ettari di turbogas e la parte ex nucleare. 

ADimensione Font+- Stampa

MONTALTO – Prende forma il futuro dell’area dove oggi sorge la centrale Enel. 250 ettari che sono destinati a essere restituiti al territorio. Attualmente l’area della centrale comprende tre sezioni: le quattro caldaie termoelettriche, i 20 ettari di turbogas e la parte ex nucleare. 

Tutto questo è destinato a essere superato, è solo questione di tempo. Il Comune di Montalto, guidato da un determinato Sergio Caci, intende chiudere il prima possibile la partita e nelle prossime settimane metterà in campo tutta una serie di iniziative che vanno verso l’accelerazione dello smantellamento della centrale e bonifica dell’area. Ma c’è un’indiscrezione importante di queste ore: esiste un vincitore del bando Enel Futur-E. Quindi esiste un progetto di riqualificazione dell’area della centrale.

Il nome è ancora riservato ma non si tratta di nessun colosso, come era stato ventilato. Niente Google, niente Amazon. Il vincitore, che poi è anche l’investitore, ha presentato un progetto di riqualificazione ai fini dello sviluppo turistico di questo bellissimo tratto di costa. Si parla di un porto turistico, di impianti e strutture ricettive. Il destino della costa della Tuscia è quindi lo sviluppo turistico.