Arci Viterbo invita a votare sì al referendum del 17 aprile: “No alle trivelle”

Arci Viterbo invita a votare sì al referendum del 17 aprile: “No alle trivelle”

Si terrà oggi, martedì 12, alle 19 al Cosmonauta, via dei Giardini 11 a Pianosarano, Viterbo, l’incontro sulla campagna referendaria del prossimo 17 Aprile promosso da Arci Comitato provinciale Viterbo insieme al Comitato “Viterbo vota Sì per fermare le trivelle”.

ADimensione Font+- Stampa

Si terrà oggi, martedì 12, alle 19 al Cosmonauta, via dei Giardini 11 a Pianosarano, Viterbo, l’incontro sulla campagna referendaria del prossimo 17 Aprile promosso da Arci Comitato provinciale Viterbo insieme al Comitato “Viterbo vota Sì per fermare le trivelle”.

Un incontro per diffondere l’informazione e promuovere i temi referendari e per raccogliere fondi per l’ultima settimana di promozione della campagna referendaria. In programma un aperitivo e un concerto degli Afterdrugz e Ultimo Tiro.

“Con il referendum del 17 aprile – dichiara Arci Viterbo – si chiede agli elettori di fermare definitivamente le trivellazioni in mare. In questo modo si riusciranno a tutelare definitivamente le acque territoriali italiane. Nello specifico si chiede di cancellare la norma che consente alle società petrolifere di cercare ed estrarre gas e petrolio entro le 12 miglia marine dalle coste italiane senza limiti di tempo. Nonostante, infatti, le società petrolifere non possano più richiedere per il futuro nuove concessioni per estrarre in mare entro le 12 miglia, le ricerche e le attività petrolifere già in corso non avrebbero più scadenza certa. Se si vuole mettere definitivamente al riparo i nostri mari dalle attività petrolifere, occorre votare “Sì” al referendum. In questo modo, le attività petrolifere andranno progressivamente a cessare, secondo la scadenza “naturale” fissata al momento del rilascio delle concessioni”.

Per informazioni sull’evento, seguire la pagina Facebook Arci Viterbo. Maggiori informazioni sul referendumo, al sito www.fermaletrivelle.it

Decarta racconta la Tuscia