Allarme sicurezza nel centro storico, un esercente quasi ammazzato e un bar svaligiato. La pazienza è al limite

Allarme sicurezza nel centro storico, un esercente quasi ammazzato e un bar svaligiato. La pazienza è al limite

Il senso di sicurezza nella parte di città dentro le mura è al minimo. Chi ha attività commerciali teme di subire furti e si sente anche a rischio per la propria incolumità.

ADimensione Font+- Stampa

Il titolare di una sala slot di via Cairoli quasi ammazzato da un trio di rapinatori con accento dell’Est Europa e lo storico bar di Chiodo svaligiato dei soldi nella cassa, nelle macchinette e di alcuni panini. E’ questa la cronaca degli ultimi giorni nel centro storico di Viterbo.

Rossano Bartolino l’ha vista in faccia la paura e anche il rischio di perdere la vita perché dei criminali hanno pensato bene di rapinarlo. Gli hanno portato via, sabato scorso, la bellezza di 5mila euro e l’hanno riempito di botte e danni. Ha raccontato nel dettaglio quegli attimi di terrore al giornale Tusciaweb. Un resoconto da brividi. I tre prima hanno giocato nella sala slot, poi sono usciti e rientrati subito dopo. A viso scoperto gli hanno messo al collo un filo elettrico, rischiando di ucciderlo, per immobilizzarlo e portare via i soldi.

Nella notte tra mercoledì e giovedì un altro gesto criminale nella centralissima via Roma. A poche decine di metri dal palazzo della Prefettura e da quello del Comune. Con un sampietrino sfondata la porta in vetro del bar Chiodo e portato via quello che c’era.

Il senso di sicurezza nella parte di città dentro le mura è al minimo. Chi ha attività commerciali teme di subire furti e si sente anche a rischio per la propria incolumità. Aumentati negli ultimi mesi anche i danni alle macchine e gli incendi ai mastelli della raccolta differenziata. Nessuna reazione significativa in termini di controllo del territorio. Finito nel nulla il progetto avanzato dai consiglieri di minoranza di Fratelli d’Italia ‘Mille occhi’, che puntava all’istallazione di telecamere. Con la speranza che possano rappresentare un deterrente a condotte criminali.

Tanti negozianti stanno raccogliendo le firme per chiedere il poliziotto di quartiere. La pazienza è al limite.

  • pascal91

    Conoscete la “teoria delle finestre rotte”? Andatevela a leggere: basandosi su essa New York è stata trasformata dalla metropoli con più omicidi d’america in una città bella e vivibile.

Banner
Banner
Banner