A Viterbo, “l’invasione” delle feci canine (rigorosamente in “abito” rosso)

A Viterbo, “l’invasione” delle feci canine (rigorosamente in “abito” rosso)

Ci sono parchi o semplici angoli di strade del capoluogo piene di bustine rosse. Bustine rosse con sorpresa, perché all'interno contengono feci di cane. E' il risultato della civiltà 2.0 made in Viterbo.

ADimensione Font+- Stampa

Ci sono parchi o semplici angoli di strade del capoluogo piene di bustine rosse. Bustine rosse con sorpresa, perché all’interno contengono feci di cane. E’ il risultato della civiltà 2.0 made in Viterbo. La cacca dell’animale tanto amato non si può, giustamente, lasciare a terra. Non sarebbe educazione, perché poi magari qualche malcapitato di passa sopra e la porta a casa. Tra maledizioni e imprecazioni varie.

Meglio dunque avvolgere il frutto della digestione del proprio Fido in un apposito involucro: le bustine che vendono in qualsiasi negozio per animali o supermercato. Nel più dei casi sono di colore rosso, ben visibili dunque. Perché acciaccarle merda di cane, seppure sotto protezione plastica, non è comunque una bella cosa.

Ci sono quartieri, il più gettonato ci risulta essere il Carmine, dove quella di buttare le feci del proprio cane avvolte nei sacchetti in plastica sembra essere diventata una moda. Ce ne sono tantissime. Ma esistono anche dei “professionisti” dell’assurdo che le stanno infilando negli spazi che trovano lungo la cinta muraria cittadina. Della serie: a Gerusalemme c’è il “Muro del Pianto” e a Viterbo quello della (bip).

Sulla pagina sociale di Viterbo Civica da giorni, diversi cittadini, stanno segnalando il fenomeno. Rilanciamo la questione, chiedendo all’amministrazione comunale di chiedere ai vigili urbani uno sforzo particolare per stroncare, a suon di multe, l’inciviltà della “cacca in bustina”.

Banner
Banner
Banner