Viterbo Ambiente: in Prefettura conferenza di servizi, poi incontro nelle segrete della V commissione

Viterbo Ambiente: in Prefettura conferenza di servizi, poi incontro nelle segrete della V commissione

Viterbo Ambiente e l'interdittiva antimafia: oggi il comune di Viterbo presenzierà ad una conferenza di servizi in Prefettura, ma le informazioni sono riservate e se ne discuterà il V commissione a porte chiuse.

ADimensione Font+- Stampa

Viterbo Ambiente e l’interdittiva antimafia: oggi il comune di Viterbo presenzierà ad una conferenza di servizi in Prefettura, ma le informazioni sono riservate e se ne discuterà il V commissione a porte chiuse.

Ieri pomeriggio in Consiglio comunale il sindaco Leonardo Michelini ha risposto ad una interrogazione rivoltagli dal consigliere del Movimento 5 Stelle Gianluca De Dominicis alla quale ha risposto brevemente annunciando l’incontro di oggi in Prefettura insieme al prefetto Rita Piermatti, il comune di Montefiascone e la direzione territoriale del Lavoro per capire che ne sarà della società che gestisce il ciclo dei rifiuti viterbesi.

“Noi – ha spiegato Michelini – ci atteniamo alla procedura, è in avvio un procedimento promosso dal prefetto di Viterbo a cui sono seguite risposte dei Comuni, c’è procedimento in atto. Il prefetto sentirà l’autorità anticorruzione e noi aspettiamo che le procedure possano completarsi. Penso che entro pochi giorni si deciderà in merito. Se succederà quel che è successo a Perugia, Viterbo Ambiente potrebbe essere commissariata. Una volta arrivato il Commissario, verificheremo il suo mandato e capiremo come muoverci”.

Per avere le idee più chiare però si dovrà aspettare la V commissione consigliare, quella delegata a trattare questi temi, a porte chiuse. Presto la presidente Martina Minchella procederà alla convocazione. Ad oggi, dopo la soluzione più probabile sembra la chiusura del contratto e un nuovo bando. Intanto c’è preoccupazione da parte dei sindacati per i posti di lavoro che si potrebbero perdere. Per questo motivo interessante anche la presenza della Direzione territoriale del lavoro all’incontro.