Vento di Michelini bis, faccende romane permettendo

Vento di Michelini bis, faccende romane permettendo

Le votazioni sono alle porte e su Palazzo dei Priori soffia vento di Michelini bis, viterbesi permettendo. Nella stanze della politica i ragionamenti sono più che altro puntati su regionali e politiche. Partite che interessano davvero i big, che tuttavia non disdegnano di mettere attenzione anche sul comune capoluogo.

ADimensione Font+- Stampa

Le votazioni sono alle porte e su Palazzo dei Priori soffia vento di Michelini bis, viterbesi permettendo. Nella stanze della politica i ragionamenti sono più che altro puntati su regionali e politiche. Partite che interessano davvero i big, che tuttavia non disdegnano di mettere attenzione anche sul comune capoluogo.

Anche perché non si sa mai … E così, stando ai bene informati, prende quota la prospettiva di ripresentare al parere degli elettori il sindaco uscente Leonardo Michelini. Anche perché lo stesso non ha mai mancato di ammiccare a un secondo giro di giostra e non ricandidarlo equivarrebbe per il centrosinistra ad ammettere un “non funzionamento” dell’amministrazione uscente. Un’amministrazione dove Michelini non è l’unico ad averci messo la faccia. Luisa Ciambella, nel ruolo di vicesindaco, è impegnata in prima persona e quindi coautrice dei risultati ottenuti e delle politiche impostate. Stesso discorso per gente come Alvaro Ricci, Maurizio Tofani, Livio Treta; tanto per citarne alcuni.

Così sembrerebbe convincere la prospettiva di un Michelini bis, intorno al quale ricostruire una quadra. Quadra che dovrebbe passare ancora una volta per un apparentamento tra Partito Democratico e Moderati e Riformisti. L’alleanza che “spancia” al centro e che ha già consegnato nel 2013 la città capoluogo al centrosinistra e che poco fa ha determinato l’elezione a presidente della Provincia di Pietro Nocchi. 

Così Michelini vola verso una ricandidatura e a Viterbo non c’è l’aeroporto quindi non potrà atterrare. A meno che non venga richiamato a scendere da faccende romane. 

 

Decarta racconta la Tuscia