Tpl, Achilli e Urbani a Ricci: “Assessore Ricci non è informato”

Tpl, Achilli e Urbani a Ricci: “Assessore Ricci non è informato”

Tutto quello che non funziona: Stefano Achilli (Rls  Faisa\Cisal) e Guido Urbani (Rsu Faisa\Cisal) replicano all’assessore Alvaro Ricci

ADimensione Font+- Stampa

“Tpl, Caro assessore non è informato”. Stefano Achilli (Rls  Faisa\Cisal) e Guido Urbani (Rsu Faisa\Cisal) replicano all’assessore Alvaro Ricci che aveva risposto ad un intervento di Antonella Sberna, consigliera comunale di Forza Italia.

“Non abbiamo sufficienti mezzi per la situazione attuale perché rotti e vetusti, siamo sempre in emergenza. Sono saltate linee per mancanza di mezzi, con autisti fermi senza poter svolgere il proprio lavoro. Basta controllare le tabelle delle partenze effettuate, ma vediamo come sempre che l’assessore non ne è al corrente.

Le pedane per disabili sono fuori uso, a volte qualcuna funziona, ma per bloccarsi di nuovo in breve tempo. Per questo motivo nonno Luigi gira con la sua carrozzina con due mezze palanche perché spesso si ritrova a non prendere il bus. Deprimente. Pare addirittura che lo stesso abbia fatto una denuncia alla Procura della Repubblica.

Per quanto riguarda noi autisti stiamo ancora aspettando una sua esaustiva risposta riguardo la nostra sicurezza stradale: il transito in Via Marconi con le corsie di marcia completamente occupate da veicoli in sosta selvaggia, dove vige il divieto di sosta 0/24 con rimozione; transito interno ospedale Belcolle dove puntualmente rimaniamo bloccati  dai veicoli in sosta selvaggia; infine i vari incroci stradali pericolosi dove siamo costretti a  transitare “contromano “ per svolgere il sevizio giornaliero, nonostante esposto presentato alla procura della Repubblica e, un’interrogazione comunale presentata proprio tempo fa dalla Consigliera Sberna. Per quanto riguarda mezzi nuovi non ne è arrivato nessuno, a parte l’acquisto di un altro bus vecchio che sta in cosiddetta “ristrutturazione”.

Quanto al nuovo grafo di rete, pur non ritenendolo adeguato alla situazione della città, crediamo che dovrebbe comunque essere potenziato con altri mezzi oltre quelli attualmente in forze, altrimenti potrebbe essere un bellissimo esercizio grafico che però potrebbe funzionare solo sulla carta e non nella realtà. Michelini e tutta la sua giunta che lei si affretta a difendere con così tanta sollecitudine, non ci sembra che abbiano fatto un grande sforzo per migliorare la situazione. In quanto rappresentanti della sicurezza del servizio pubblico chiediamo solo chiarezza e risposte adeguate a problemi seri che affliggono i dipendenti di Francigena e che si ripercuotono in termini di servizio su tutta la popolazione viterbese”.