Sberna detta la linea in vista della discussione del bilancio: Rsa, sicurezza e contrasto alla povertà

Sberna detta la linea in vista della discussione del bilancio: Rsa, sicurezza e contrasto alla povertà

Sberna: "Misure serie per la città e per chi vive quotidianamente i disagi che le istituzioni faticano a capire e a fronteggiare con risposte tangibili. E’ il momento delle risposte e dei fatti!"

ADimensione Font+- Stampa

“Non retrocederemo sui temi caldi e non rinviabili soprattutto per sicurezza, RSA e misure di contrasto alla povertà”. Antonella Sberna detta la linea di Forza Italia in vista della discussione per il bilancio di domani, giovedì 19 maggio.

“
Sicurezza: per finanziare – scrive Antonella Sberna – l’installazione di telecamere nelle zone problematiche e ad alto tasso di rischio, misure ormai irrinunciabili per il ripristino della vivibilità di molte parti della città e per un serio rilancio del centro storico.

RSA: presentati diversi emendamenti insieme al mio Gruppo per cercare di sanare una situazione troppo difficile che sta mettendo in ginocchio intere famiglie data l’assurdità delle delibere della giunta dello scorso anno e l’immobilità di questa amministrazione nel trovare soluzioni serie che oltre a tutelare le casse del Comune sostengano seriamente i cittadini.  
Misure di contrasto alla povertà: per giovani, famiglie e anziani e per tutti coloro che si impegnano nel volontariato attivo. Tra tutte alcune antiche battaglie sul contributo affitti e sul progetto di recupero degli sprechi alimentari, progetto condotto in passato in collaborazione con l’Università della Tuscia, da non confondere però con il “last minute market” che non è un progetto bensì è un marchio registrato e che leggiamo spesso impropriamente citato da più parti. Ripristinare questo servizio ha un costo basso per l’Ente ma serve a recuperare e redistribuire a chi ne ha veramente bisogno tanti alimenti che andrebbero persi o buttati via.

Misure serie insomma, per la città e per chi vive quotidianamente i disagi che le istituzioni faticano a capire e a fronteggiare con risposte tangibili. E’ il momento delle risposte e dei fatti!”