Prato Giardino in un circolo vizioso, necessari fondi per riportarci attività e persone

Prato Giardino in un circolo vizioso, necessari fondi per riportarci attività e persone

Prato Giardino luogo di spaccio, di prostituzione a cielo aperto, di possibili aggressioni. Questo il racconto collettivo che da un po' di tempo a questa parte si sta sviluppando. Gli arresti e le tante testimonianze confermano la situazione di degrado in cui questo importante spazio verde si trova.

ADimensione Font+- Stampa

Prato Giardino luogo di spaccio, di prostituzione a cielo aperto, di possibili aggressioni. Questo il racconto collettivo che da un po’ di tempo a questa parte si sta sviluppando. Gli arresti e le tante testimonianze confermano la situazione di degrado in cui questo importante spazio verde si trova.

In sostanza il luogo pubblico è male frequentato. E questo è possibile perché degrado chiama degrado e le persone che magari vorrebbero farsi una passeggiata o una corsa, le famiglie con i bambini, gli anziani e le coppiette di innamorati magari preferiscono andare altrove.

Per invertire la tendenza l’unico modo è portarci iniziative, associazioni, momenti d’incontro. Così la migliore mossa che il Comune di Viterbo potrebbe fare è quella di finanziare la restituzione ai cittadini del parco attraverso lo stanziamento di una cifra rispettabile per finanziare – magari tramite bando – presenze positive. Magari con tanto di calendario da costruire tra le varie associazioni e partecipanti al bando stesso.

Invitiamo i consiglieri di maggioranza e minoranza a lavorare in tale direzione. Ci sarebbero tante realtà da coinvolgere: dai centri anziani a chi si occupa di integrazione, passando per la cultura, la salute del corpo e della mente e tanto altro. 

Il mettere in attività Prato Giardino significherebbe rovinare le piazze di spaccio esistenti e allontanare i cattivi frequentatori. Perché dove c’è gente, dove ci sono attività certe cose non diventano più possibili.