Periferie: i 17 milioni di euro sono a rischio?

Periferie: i 17 milioni di euro sono a rischio?

A Viterbo sono stati assegnati 17 milioni di euro per riqualificare Poggino e il quartiere Santa Barbara. Se il finanziamento dovesse saltare, sarebbe davvero una beffa. Giulio Marini spiega perché la richiesta dell'Ue al Governo potrebbe "condannare" Viterbo

ADimensione Font+- Stampa

La richiesta dell’Ue al Governo di tagliare 3,4 miliardi potrebbe affossare il bando delle periferie. Da possibile gioia, a possibile dolore. Il bando per le periferie che ha premiato il progetto del Comune di Viterbo rischia di essere una beffa. A mettere il dubbio sull’effettivo successo del processo è Giulio Marini che nei giorni scorsi da Sbottonati ha evidenziato il problema.

A mettere in discussione il finanziamento, secondo Marini, sarebbe la manovra aggiuntiva con tagli di 3,4 miliardi di euro richiesta dall’Unione Europea al Governo italiano. Ammontando a 2,1 miliardi l’intero finanziamento per le opere del bando delle periferie, il rischio è quello che il Cipe possa “non dare parere favorevole alla spesa di 2,1 miliardi quando poi dovrà tagliare 3,4 miliardi. Il Cipe potrebbe guardare a queste spese come a markette elettorali”. La decisione di finanziare tutti i progetti arrivò infatti poche settimane prima del Referendum del dicembre scorso. “Quando non ci sono i soldi – aggiunge – stanno più attenti”.

A Viterbo sono stati assegnati 17 milioni di euro per riqualificare Poggino e il quartiere Santa Barbara. Se il finanziamento dovesse saltare, sarebbe davvero una beffa.

Banner
Banner
Banner