Parcheggio delle Fortezze, occorre riqualificare l’area e trasformarla nel Sacrario bis

Parcheggio delle Fortezze, occorre riqualificare l’area e trasformarla nel Sacrario bis

Chiusura del centro storico, necessario attrezzare le aree intorno alla cinta muraria per costruire un'azione come Cristo comanda. Da La Fune lanciamo un appello al sindaco Michelini per la trasformazione delle Fortezze in un Sacrario bis.

ADimensione Font+- Stampa

Il disegno di una nuova fruibilità del centro storico passa necessariamente per la riqualificazione del parcheggio delle Fortezze. Oggi la situazione, in questa porzione di città, è da mettersi le mani nei capelli.

Ci troviamo a un centinaio di metri da Porta Romana, uno dei principali ingressi per recarsi all’interno delle mura viterbesi. Al tempo stesso siamo a poche decine di metri da Porta San Leonardo, un accesso diventato secondario e lasciato nel degrado, ma che di fatto potrebbe diventare uno degli accessi principali alla città pedonalizzata. Stesso discorso per Porta San Pietro, poche decine di metri la separano dal parcheggio delle Fortezze, ma anche qui il degrado e il senso d’abbandono sembrano avere avuto la meglio su tutto il resto.

Concentriamoci però su questa area di sosta. La fanno da padroni le buche, i ciottoli e l’immondizia. Tra le altre cose, essendo un’area a sosta libera, vige una discreta anarchia di parcheggio. Manca completamente la segnaletica orizzontale per delimitare i posti auto e lo sventurato turista che magari arriva in questo punto della città non trova uno straccio d’indicazione. Bell’accoglienza!

Trova però in compenso una scoscesa strada polverosa e piena di crateri utilizzata come parcheggio e subito sotto ha modo di ammirare la spianata caotica di ferraglia, allocata alla bene e meglio nel piazzale asfaltato nella notte dei tempi.

La recente sfuriata di pioggia e grandine ha fatto emergere un ulteriore criticità. Ogni volta che piove la via che scorre tra il parcheggio delle Fortezze e le mura cittadine si riempie di ciottoli e terra. Una scena piuttosto imbarazzante che arriva addirittura fino a Porta San Pietro. Qui ad attirare l’attenzione è però una discarica abusiva che qualcuno ha pensato bene di “realizzare” proprio a ridosso un’antica e gloriosa torre medioevale. 

Per l’amministrazione comunale la sistemazione della zona delle Fortezze, con relativa realizzazione di un parcheggio (magari a doppio livello), può rappresentare un’azione importante nel disegno di chiusura del centro. Se si realizzasse in questo luogo una sorta di parcheggio del Sacrario bis renderemmo la vita facile a tanti aspiranti fruitori a piedi della Viterbo dentro le mura. 

Tra le altre cose gli stessi negozianti, artigiani, residenti e liberi professionisti del comitato ‘Centro di Gravità’, in una loro recente riunione, hanno dichiarato che proprio la sistemazione del parcheggio delle Fortezze sarebbe stata una delle prime cose da chiedere all’amministrazione Michelini.

Ci sentiamo di lanciare questa appello per la sistemazione del parcheggio delle Fortezze. In primo luogo perché lo riteniamo funzionale a una corretta chiusura del centro e in second’ordine perché questa parte di Viterbo fa pena e compassione. Ci sentiamo di chiedere all’amministrazione Michelini di riqualificare l’intera area da Porta Romana a Porta San Pietro perché non si può continuare a vedere una simile bellezza sprofondare nel degrado.