‘Noi e gli antichi’: incontro al Distu con Luciano Canfora

‘Noi e gli antichi’: incontro al Distu con Luciano Canfora

Nella suggestiva cornice di Pianoscarano, si parlerà di comunicazione, letteratura e del rapporto tra moderno e antico volgendo l’attenzione alle nuove generazioni che hanno sempre più bisogno di “guardare al passato per ricordarsi da dove vengono”.

ADimensione Font+- Stampa

“Nessuna definizione è falsa: lo sarebbe se pretendesse di essere l’unica vera”. Questa citazione del professor Luciano Canfora aprirà l’incontro che si terrà lunedì 29 maggio, alle ore 16, presso il Dipartimento Distu dell’Università degli Studi della Tuscia.

Nella suggestiva cornice di Pianoscarano, si parlerà di comunicazione, letteratura e del rapporto tra moderno e antico volgendo l’attenzione alle nuove generazioni che hanno sempre più bisogno di “guardare al passato per ricordarsi da dove vengono”.

Luciano Canfora inaugura l’apertura della “Casa della Cultura di Viterbo” che dà l’inizio alla propria attività ospitando uno dei più prestigiosi e preparati docenti di Letteratura greca e latina presente in Italia.

Luciano Canfora svolge la sua attività odierna presso l’Università di Bari, cresce accademicamente presso la Scuola Normale di Pisa ed è, nel panorama umanista italiano, uno degli studiosi di antichità e letteratura più prestigiosi in tutto il mondo accademico. Fine e curioso studioso di storia antica, papirologia e letteratura latina, fa parte del Comitato scientifico della “Society of Classical Tradition” di Boston e dirige il Comitato direttivo spagnolo di “Historia y critica” di Santiago. I suoi libri sono tradotti in tutto il mondo e sono tra i testi più utilizzati nelle università italiane in fatto di letteratura e antichità.

L’Università degli Studi della Tuscia firma, con questo incontro, una stretta e intensa collaborazione con le associazioni del territorio che impreziosiscono con il loro lavoro il tessuto culturale viterbese aprendo la città a personalità internazionali che alimentano il dibattito all’interno e all’esterno delle mura viterbesi.

Banner
Banner
Banner