Mamme viterbesi contro il bullismo, alla Casa di Vetro un importante incontro

Mamme viterbesi contro il bullismo, alla Casa di Vetro un importante incontro

Il bullismo nelle scuole dei nostri figli. Un fenomeno difficile da quantificare, comprendere e rispetto al quale è complicato approcciarsi. Le famiglie sono luoghi centrali per costruire risposte, per intervenire se necessario su singoli casi o comunque sulla mentalità che attiva certe dinamiche che riguardano i bulli, i bullizzati e i gruppi.

ADimensione Font+- Stampa

Il bullismo nelle scuole dei nostri figli. Un fenomeno difficile da quantificare, comprendere e rispetto al quale è complicato approcciarsi. Le famiglie sono luoghi centrali per costruire risposte, per intervenire se necessario su singoli casi o comunque sulla mentalità che attiva certe dinamiche che riguardano i bulli, i bullizzati e i gruppi.

Questa mattina all’interno de La Casa di Vetro del Sacrario alcune decine di mamme e qualche nonna di bambini che stanno frequentando le scuole medie, uno dei periodi più complicati per i ragazzi, si sono incontrate. Un momento significativo di condivisione, consapevolezza e scambio.

Il tutto all’interno del progetto ‘Crescere alla Pari’, che sta facendo molto parlare di sé in questo periodo. Si tratta di un progetto presentato dall’IC Vanni di Viterbo, con l’IC Carmine di Viterbo e l’IISS Cardarelli di Tarquinia; in partenariato con il Comune di Viterbo, il Distretto turistico Etruria Meridionale, l’associazione Juppiter, la Fondazione Exodus, Vip clown di corsia – Viterbo, Mille giovani per la pace e la cooperativa gli Aquiloni, e finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento delle Pari Opportunità.

Un incontro, quello di stamani, articolato in tre momenti. Prima la visione di un video Mengoni-Cortellesi proprio sul bullismo. Quindi la lettura di alcuni temi che arrivano dalle scuole medie di Viterbo sul tema. Qui è venuta fuori con forza la situazione di difficoltà che i ragazzi vivono a causa di fenomeni di bullismo che si attuano con prese in giro, esclusione, insulti che si ripetono durante l’arco della giornata anche attraverso le moderne applicazioni per smartphone. Le mamme sono rimaste particolarmente colpite proprio dai temi dei loro figli, toccando con mano quanto sia importante lavorare sulla consapevolezza della problematica.

Infine ognuna di loro è intervenuta lasciando un post-it sul muro della Casa di Vetro, lo stesso dove anche i ragazzi in questi giorni – dopo una mattinata alle prese con il tema del bullismo – si trovano a lasciare i loro pensieri. Tutte le iniziative del progetto ‘Crescere alla Pari’ sono visibili sulla pagina Facebook Fragile-Maneggiare col cuore.