L’Urcionio arriva alla Camera: Bernini deposita l’interrogazione

L’Urcionio arriva alla Camera: Bernini deposita l’interrogazione

La vicenda del Freddano-Urcionio, colpiti da un forte inquinamento rilevato dall’associazione Viterbo Civica arriva alla Camera. Il deputato del Movimento 5 Stelle Massimiliano Bernini ha depositato una interrogazione “in attesa dei risultati delle analisi dell’Arpa”.

ADimensione Font+- Stampa

La vicenda del Freddano-Urcionio, colpiti da un forte inquinamento rilevato dall’associazione Viterbo Civica arriva alla Camera. Il deputato del Movimento 5 Stelle Massimiliano Bernini ha depositato una interrogazione “in attesa dei risultati delle analisi dell’Arpa”.

“Venerdì scorso – aggiunge Bernini – assieme al Consigliere comunale M5S di Viterbo Gianluca De Dominicis, mi sono recato sul posto e quello che abbiamo visto ha dell’incredibile. Di fatto il torrente è stato interessato da uno sversamento (la cui origine al momento è ignota) che ha generato la formazione di acque nere come il petrolio con uno strato superficiale praticamente fermo e pieno di insetti morti, il tutto accompagnato da odori nauseabondi, molto simili a quelli prodotti dai liquami fognari. È ingiustificabile che possa succedere tutto ciò in un corso d’acqua che circola all’interno del sito storico archeologico di Castel D’Asso e le cui acque si dirigono verso alcuni dei luoghi più belli e incontaminati della Tuscia, fino a raggiungere il fiume Marta la cui foce, assieme a quella del torrente Arrone, rientra tra i siti d’interesse comunitario (SIC -IT6000003). Ci auguriamo che sia presto chiarita la situazione e messe in atto tutte le azioni per bonificare l’area interessata dallo sversamento”.