Liberati 3500 piccoli di luccio nel lago di Bolsena

Liberati 3500 piccoli di luccio nel lago di Bolsena

Un lavoro portato avanti con passione e pazienza dai pescatori, che hanno seguito costantemente dentro l’incubatoio ittico Madonna del Monte di Marta tutte le fasi della crescita delle uova di luccio che dopo circa 15 giorni di incubazione sono giunte a maturazione schiudendosi e facendo nascere gli oltre 3000 avanotti.

ADimensione Font+- Stampa

Oltre tremila e cinquecento piccoli avanotti di luccio sono stati caricati sulle barche dai pescatori di Marta che, prendendo il largo, hanno gettato i pescetti, nelle limpide acque di fronte al porto dei pescatori.

Un lavoro portato avanti con passione e pazienza dai pescatori, che hanno seguito costantemente dentro l’incubatoio ittico Madonna del Monte di Marta tutte le fasi della crescita delle uova di luccio che dopo circa 15 giorni di incubazione sono giunte a maturazione schiudendosi e facendo nascere gli oltre 3000 avanotti.

Tra alcuni mesi, gli avanotti di luccio, il grande predatore del lago, raggiungeranno la misura standard per essere pescati. Un incubatoio ittico quello intitolato “Madonna del Monte”, tra i più grandi d’Europa, che si trova a due passi dal porto dei pescatori, che grazie a un sistema idraulico, sfrutta la stessa acqua del lago la quale contribuisce nel portare a maturazione le uova incubate rendendo più ricco e pescoso il lago di Bolsena.