“L’amministrazione Michelini abbandonata dalla Regione Lazio”

“L’amministrazione Michelini abbandonata dalla Regione Lazio”

Un'amministrazione comunale ferma al palo, abbandonata dalla Regione Lazio. E' questa la prospettiva calata all'interno del consiglio sul bilancio da Gianmaria Santucci e Giulio Marini. Un tasto battuto con forza sulla nota di una domanda semplice: “Dove sta il patto con Zingaretti?”

ADimensione Font+- Stampa

Un’amministrazione comunale ferma al palo, abbandonata dalla Regione Lazio. E’ questa la prospettiva calata all’interno del consiglio sul bilancio da Gianmaria Santucci e Giulio Marini. Un tasto battuto con forza sulla nota di una domanda semplice: “Dove sta il patto con Zingaretti?”. Santucci rivolge al sindaco Michelini un invito chiaro: “Faccia capire a Zingaretti che il patto non lo sta mantenendo. Il presidente della Regione Lazio venga qua e ci dica cosa vuole fare, in termini di progetti seri per Viterbo”. “Oggi la Regione che fa per Viterbo e la provincia? Sulle Rsa che ha fatto?”, chiede il consigliere di Fondazione.

“L’amministrazione precedente – continua Santucci – ha avuto finanziamenti importanti con il Plus. Voi che fondi avete ottenuto? Ci sono una quantità di temi dove il Comune di Viterbo è penalizzato in Regione Lazio. Vi state litigando tremila euro, due patate, una gallina e un uovo lesso. Avete riproposto il bilancio dello scorso anno. Vediamo un film già visto. Finito quello che vi ha lasciato l’amministrazione Marini, mi dite che volete fare? Non vedo un cambiamento di questa città”.

Sulla stessa linea si muove l’intervento di Marini: “Avete affrontato momenti difficilissimi senza avere la regione al vostro fianco. Il patto con Zingaretti non ha retto. La mia amministrazione ha avuto 20 milioni di euro dalla Polverini e 2 milioni dal governo centrale. E’ lampante quanto sia importante per un comune capoluogo avere il sostegno della Regione. Invece Zingaretti vi ha abbandonato, penso alla partita per le Rsa. Nessun risultato economico, tante penalizzazioni. Questo si è rivelato il patto stretto da Michelini con Zingaretti in campagna elettorale”.