I dinosauri a Viterbo, solo sabato 24 febbraio (guarda il video dell’arrivo)

I dinosauri a Viterbo, solo sabato 24 febbraio (guarda il video dell’arrivo)

Sarà possibile osservarli e interagire con loro, sempre che riusciate a trovare in tempo utile un biglietto. Lo show dei dinosauri sarà infatti a Viterbo per un solo giorno: sabato 24 febbraio. La location è il Teatro Caffeina (via Cavour 9) ed è consigliato prenotare al 3669590150 (dalle ore 9.30/12.30 e 17.00/19.30. Prezzo unico 10 euro). Due gli spettacoli: il primo alle 15.30 e il secondo alle 17.45.

ADimensione Font+- Stampa

Sarà possibile osservarli e interagire con loro, sempre che riusciate a trovare in tempo utile un biglietto. Lo show dei dinosauri sarà infatti a Viterbo per un solo giorno: sabato 24 febbraio. La location è il Teatro Caffeina (via Cavour 9) ed è consigliato prenotare al 3669590150 (dalle ore 9.30/12.30 e 17.00/19.30. Prezzo unico 10 euro). Due gli spettacoli: il primo alle 15.30 e il secondo alle 17.45.

Sabato 24 febbraio al Teatro Libreria Bistrot Caffeina uno spettacolo straordinario.Dinosaur Showhttp://www.lafune.eu/triceratopo-t-rex-e-velociraptor-in-arrivo-a-viterbo-appuntamento-sabato-24-a-teatro-caffeina/

Pubblicato da La Fune su lunedì 19 febbraio 2018

Un team di tecnici professionisti coordinerà l’azione dei singoli dinosauri in scena, attraverso l’uso di nuove tecnologie avanzate, create appositamente per dar vita a dinosauri di grandezza natu­rale come T-Rex, Velociraptor, Triceratopo; i quali stupiranno tutto il pubblico presente, proponendo un’esperienza davvero unica.

Appassioneranno i più piccoli dandogli la netta sensazione di vedere dinosauri reali, naturali e spontanei nei loro movimenti, ma non solo, lo spettatore verrà coinvolto e accompagnato in questo affascinante viaggio nel tempo.
Perché a “Dinosaur Show Live Experience”, il fortunato spettacolo della Discovery Production che sta girando l’Italia a colpi di tutto esaurito (con un bel corredo di apparizioni televisive che l’hanno fatto conoscere al grande pubblico), quei bestioni della preistoria sono proprio lì davanti a noi.

Coi loro nomi spaventosi già solo a pronunciarli, i loro ruggiti, gli occhioni che sbattono minacciosi, i musi che ondeggiano, la lunga dentatura a sega pronta a scattare su ogni pezzo di carne umana, insomma vivi e vegeti.
Un vero prodigio della tecnologia “animatronic” – ossia quella multi-disciplina che unisce anatomia, robotica, meccanica e teatro di figura per creare pupazzi con caratteristiche del tutto realistiche – ma anche dell’estetica (sono davvero “belli”, se così si può dire), che la compagnia ha importato dagli Stati Uniti, dove sono largamente usati nel cinema o nei parchi a tema.