I Capigruppo si mettono d’accordo per un Consiglio sui Revisori dei Conti, ma niente di più

I Capigruppo si mettono d’accordo per un Consiglio sui Revisori dei Conti, ma niente di più

In seguito alla rinuncia da parte di Lorenzo Ciorba, la situazione si è sbloccata e dunque l’accordo per andare ad approvare la pratica

ADimensione Font+- Stampa

Un Consiglio comunale per approvare la nomina dei Revisori dei Conti e poi nulla più. È questo l’accordo preso dai Moderati e Riformisti e dalle opposizioni in Conferenza capigruppo, dalla quale era assente il Partito Democratico. La vicenda della nomina dei Revisori, un atto fondamentale nella vita di una amministrazione comunale, aveva avuto degli intoppi e aveva dato il là alla crisi della maggioranza in seguito al sorteggio della Prefettura che aveva individuato in Lorenzo Ciorba la figura per fare il presidente del Collegio.

Un sorteggio contestato dalla maggioranza del gruppo del Partito Democratico e dall’opposizione che insieme erano giunti alla bocciatura della nomina, i primi astenendosi e i secondi votando contro, del padre del presidente del Consiglio Marco Ciorba.

In seguito alla rinuncia da parte di Lorenzo Ciorba, la situazione si è sbloccata e dunque l’accordo per andare ad approvare la pratica. Di fatto però la Conferenza dei Capigruppo si è bloccata subito dopo, con i Moderati e Riformisti che hanno fatto venir meno il numero legale e quindi, oltre alla nomina del Collegio dei Revisori non si farà niente. Non c’è però ancora nemmeno una data e il tutto è in evoluzione.