Estasiarci: è partita la raccolta firme per la legge “Ero Straniero”

Estasiarci: è partita la raccolta firme per la legge “Ero Straniero”

L'iniziativa negli stand del festival Estasiarci. La proposta di legge "Ero Straniero – l’umanità che fa bene", promossa da partito dei Radicali con Arci e altre associazioni e organizzazioni, mira al superamento della Bossi-Fini per cambiare le politiche sull’immigrazione puntando su inclusione e lavoro.

ADimensione Font+- Stampa

Arci raccoglie le firme per la proposta di legge “Ero straniero”. L’iniziativa negli stand del festival Estasiarci.
La proposta di legge “Ero Straniero – l’umanità che fa bene”, promossa da partito dei Radicali con Arci e altre associazioni e organizzazioni, mira al superamento della Bossi-Fini per cambiare le politiche sull’immigrazione puntando su inclusione e lavoro.

La campagna “Ero straniero – L’umanità che fa bene” si propone “di cambiare – scrive Arci Viterbo – anche il racconto pubblico sull’immigrazione, ostaggio di pregiudizi, luoghi comuni e vere e proprie bugie che, invece di contrastare, la politica spesso sceglie di cavalcare per guadagnare consenso. Le proposte, che vanno dal permesso di soggiorno temporaneo per la ricerca di occupazione al godimento dei diritti previdenziali e di sicurezza sociale punta al superamento delle attuali normative per rendere effettiva l’inclusione dei cittadini stranieri per evitare che possano essere preda dello sfruttamento e del lavoro nero”.

Il festival Estasiarci continua stasera con l’esibizione del cantautore livornese Bobo Rondelli, in piazza Unità d’Italia.

Banner
Banner
Banner