“En Marche!” – Pentastellati viterbesi alla Perugia-Assisi e nel Movimento locale emergono nuove figure

“En Marche!” – Pentastellati viterbesi alla Perugia-Assisi e nel Movimento locale emergono nuove figure

I viterbesi ci sono, sono andati in autobus. Tra di loro stanno emergendo nuovi profili che potrebbe giocare un ruolo nel rafforzamento del Movimento alla prossima triplice tornata elettorale: regionali, politiche e comune capoluogo.

ADimensione Font+- Stampa

In marcia. Un sabato tra Perugia e Assisi per il Movimento Cinque Stelle. Nella fiumana anche un gruppo di viterbesi. “La Perugia Assisi è un’esperienza bellissima. Siamo con tutti i nostri attivisti, portavoce e con tutte le persone che condividono la nostra battaglia per il Reddito di Cittadinanza. C’è una fiumana di gente. Siamo addirittura più dell’anno scorso”. Commentano sulla pagina Facebook viterbese.

“L’Italia vuole il Reddito di cittadinanza – continua il post -. Il governo Pd è sordo alle esigenze degli italiani. Lo farà il MoVimento 5 Stelle al governo. Grazie alle migliaia di persone che hanno marciato assieme a noi e grazie ai milioni che ci hanno seguito in streaming e sui social”.

I pentastellati viterbesi hanno raggiunto il loro leader Beppe Grillo in un appuntamento di grande significato simbolico e appeal. 19 chilometri di cammino per porre l’accento su una prospettiva molto cara al Moviemento: il reddito di cittadinanza. Una marcia, quella di sabato, dove lo stesso Grillo ha cercato di mettere in piedi una identificazione del Movimento con il nuovo francescanesimo. Cinquemila persone per la stampa, 50mila per gli organizzatori.

“Se noi non introduciamo un reddito di cittadinanza e non potenziamo l’istruzione avremo violenza. Le persone invisibili al di fuori della società diventano violente”. È l’avvertimento che il leader M5S lancia a Matteo Renzi, il quale a distanza risponde: “Funziona solo in Alaska, se vogliono possono andare lì”.

Davide Casaleggio cammina e parla pochissimo se non per replicare al segretario Pd e spiegare la proposta dei pentastellati: “Vi sono milioni di persone sotto la soglia di povertà. Il M5S con il suo reddito di cittadinanza le aiuta a uscire dall’esclusione sociale, prevede corsi di formazione e di riqualificazione professionale per il reinserimento nel mondo del lavoro. Il reddito di cittadinanza per 9 milioni di persone e 2 mld per i centri per l’impiego possono far ripartire davvero i consumi e la crescita. Perché nessuno sia lasciato indietro”.

I viterbesi ci sono, sono andati in autobus. Tra di loro stanno emergendo nuovi profili che potrebbe giocare un ruolo nel rafforzamento del Movimento alla prossima triplice tornata elettorale: regionali, politiche e comune capoluogo. 

Natale Viterbo