Domani all’Unione inaugura la mostra “Artes Mechanicae”

Domani all’Unione inaugura la mostra “Artes Mechanicae”

In mostra di modelli di macchine sceniche progettate dai grandi architetti del ‘400 fiorentino per il racconto di Sacre Rappresentazioni e di macchine sceniche de la Mirabilis Teatro Societas

ADimensione Font+- Stampa

Doppio appuntamento al Teatro dell’Unione di Viterbo per sabato 24 marzo: alle ore 18:30 sarà inaugurata la Mostra Artes Mechanicae a cura di Luciano Minestrella e alle ore 21:00 va in scena il capolavoro di Neil Simon La Strana Coppia nella sua versione femminile con Claudia Cardinale e Ottavia Fusco. Entrambi gli eventi sono promossi da ATCL Lazio con il finanziamento della Regione Lazio e del Comune di Viterbo.

Dalle ore 18:30 di sabato 24 marzo e fino al 26 maggio all’interno del Teatro dell’Unione apre al pubblico “Artes Mechanicae” a cura di Luciano Minestrella, mostra di modelli di macchine sceniche progettate dai grandi architetti del ‘400 fiorentino per il racconto di Sacre Rappresentazioni e di macchine sceniche de la Mirabilis Teatro Societas. Al centro della mostra vi è la caratteristica che ha reso grande il Teatro italiano nella storia: la sua capacità di inglobare in sé stesso tutte le attività artigianali ed artistiche del Rinascimento. La raffinata esperienza raggiunta dalle maestranze, nata e maturata nelle botteghe artigiane, luoghi di apprendimento e formazione professionale per eccellenza, si riversa nel teatro fiorentino, o meglio in quella forma di spettacolo denominato “Sacre Rappresentazioni” proposte nelle chiese gremite di persone di ogni ceto sociale ed estrazione culturali. Un tipo di spettacolo, proprio dell’epoca rinascimentale, dove la narrazione è affidata a grandi macchine sceniche progettate da grandi architetti quali Filippo Brunelleschi, Francesco D’Angelo e tanti altri. La mostra sarà un viaggio nella conoscenza di questo fantastico percorso e della ricchezza culturale ed artistica del teatro e della creatività italiana. Il passato è in relazione con il presente e il presente non è altro che la continuazione ed espansione di quella creatività formatasi tra le mani dei nostri maestri.

Alle 21:00 l’appuntamento è con La Strana Coppia di Neil Simon (nella sua versione al femminile) secondo il progetto registico di Pasquale Squitieri con una vera “strana coppia” di interpreti: i due grandi amori della vita di Squitieri. Claudia Cardinale e Ottavia Fusco, una, la storica compagna di vita e l’altra, la sua ultima moglie. Nell’affrontare questa insolita prova registica Squitieri ci avrebbe voluto raccontare che l’amore non separa ma unisce. Ed è quello che, attraverso i suoi appunti di regia messi in scena dal suo aiuto-regia prediletto Antonio Mastellone, riuscirà a restituire al pubblico: divertimento e amore.