Di Battista cambia vita, in Sud America a scrivere per Il Fatto Quotidiano

Di Battista cambia vita, in Sud America a scrivere per Il Fatto Quotidiano

Dibba, uno dei volti politici più nuovi e sorprendenti degli ultimi anni di Repubblica - la Seconda, e anche la Terza - pronto a cambiare vita e ripartire dal Sud America. Alessandro Di Battista, radici etrusche in quel di Civita Castellana, cambia vita.

ADimensione Font+- Stampa

Dibba, uno dei volti politici più nuovi e sorprendenti degli ultimi anni di Repubblica – la Seconda, e anche la Terza – pronto a cambiare vita e ripartire dal Sud America. Alessandro Di Battista, radici etrusche in quel di Civita Castellana, cambia vita.

L’ex parlamentare e volto simbolo del Movimento Cinque Stelle torna in America, come inviato de Il Fatto Quotidiano e della web tv Loft. Lo ha annunciato con un videomessaggio sulla propria pagina Facebook.

Partenza fissata per il primo giugno, per scrivere reportage su varie tematiche nel complicato e straordinario Sud del mondo. Il ritorno in Italia a dicembre. Partenza dalla California, quindi l’ingresso in Messico. Con lui la compagna e il figlio Andrea, di neanche un anno. “Mio figlio festeggerà il suo primo compleanno probabilmente in Guatemala”.

Un pezzo di cuore rimane in Italia, vicino agli amici del Movimento Cinque Stelle: “Quando ti impegni così tanto e vedi il risultato ti dispiace non essere in prima linea anche se sono contento per i parlamentari che ci sono. Tuttavia io sono contento della scelta fatta con la mia compagna e per mio figlio Andrea”. Così Di Battista nel suo messaggio.

Festeggia la nomina di Roberto Fico alla presidenza della Camera così: “Mi sembra un sogno, la verità è che l’impegno paga sempre e, come diceva Gianroberto, non si può sconfiggere chi non si arrende mai. Non ci siamo mai arresi, più ci attaccavano e più trovavamo forza. Io ho fatto parte di tutto questo e ne farò parte per sempre. Mi inorgoglisce aver dato un contributo a questa rivoluzione culturale che ha permesso ad un cittadino normale, meravigliosamente normale, come Roberto, di diventare la terza carica dello Stato.

Per le frattaglie radical chic o per gli pseudo-intellettuali che guardano il mondo da qualche super-attico tutto questo è scandaloso. Più o meno queste sono le loro parole: “vi rendete conto, un ragazzo che ha lavorato nei call-center Presidente della Camera”.

Io uso le loro stesse parole ma con un tono diverso: “vi rendete conto, un ragazzo che ha lavorato nei call-center Presidente della Camera”. Per me tutto questo è meraviglioso”.

Per quello che lo riguarda è convinto della scelta fatta: “Dovete essere felici per me. Vado a fare quel che ho sempre sognato di fare: scrivere e viaggiare con la mia famiglia”. Poi chiude: “Il nostro viaggio ve lo racconteremo passo dopo passo, resteremo in contatto, ci scriveremo, vi chiederò dritte, agganci, consigli e chissà, qualcuno di voi potrà anche venire a trovarci.

Ovviamente torneremo, sicuramente per il prossimo Natale, poi si vedrà, la vita, grazia a Dio, ha più fantasia di noi. Un abbraccio enorme e grazie per il vostro incredibile sostegno”.

https://www.facebook.com/alessandro.d.battista/videos/10213704056489210/