Ciucciarelli: “la vicenda Moltoni puzza almeno quanto Casale Bussi”

Ciucciarelli: “la vicenda Moltoni puzza almeno quanto Casale Bussi”

"Tutta questa fretta di portare in Consiglio la votazione sulla decadenza di Moltoni senza neanche attendere i sessanta giorni che occorrono a definire la nota faccenda assicurativa, puzza almeno quanto Casale Bussi”

ADimensione Font+- Stampa

La vicenda Moltoni “puzza almeno quanto Casale Bussi”. Umberto Ciucciarelli leader e fondatore del movimento Unione della Tuscia ha scritto il proprio pensiero su Facebook, lasciando qualche interrogativo. “Perché proprio in questi giorni? Tutta questa fretta di portare in Consiglio la votazione sulla decadenza di Moltoni – scrive – senza neanche attendere i sessanta giorni che occorrono a definire la nota faccenda assicurativa, puzza almeno quanto Casale Bussi”

 

L’intervento

“Ho come la certezza che egli abbia segnato la sua sorte quando, per primo ed in solitaria, in Consiglio comunale chiese qualche mese fa – scrive Ciucciarelli – la rescissione del contratto di servizio con Viterbo Ambiente. Siccome la monnezza già puzza del suo, e parecchio, possibile che nessuno, a fronte di inchieste che avrebbero azzoppato un mammuth, si sia mai chiesto perché l’epilogo della faccenda stia arrivando soltanto in questi giorni?

Siamo proprio sicuri che una certa area politica storicamente buciarda non abbia interessi al riguardo e non abbia giocato un ruolo nella partita, se non altro per vendetta? Si badi, io faccio domande, non do risposte né tantomeno affermo alcunché. Però tutta questa fretta di portare in Consiglio la votazione sulla decadenza di Moltoni, senza neanche attendere i sessanta giorni che occorrono a definire la nota faccenda assicurativa, puzza almeno quanto Casale Bussi”