Bolsena al centro dell’Europa dal 7 all’11 settembre. Tu chiamala, se vuoi, Permacultura

Bolsena al centro dell’Europa dal 7 all’11 settembre. Tu chiamala, se vuoi, Permacultura

Dal 7 all’11 settembre 2016 la città di Bolsena sarà la capitale europea della Permacultura. E’ la prima volta che la Convergenza europea si riunisce in Italia.

ADimensione Font+- Stampa

“Una cultura umana non può sopravvivere a lungo senza la base di un’agricoltura sostenibile e una gestione etica della terra” (Mollison, 1974). Dal 7 all’11 settembre 2016 la città di Bolsena sarà la capitale europea della Permacultura. E’ la prima volta che la Convergenza europea si riunisce in Italia.

Il tema e il titolo dell’evento 2016 sarà ‘Permaculture: A Living Community’. Un titolo scelto perché, per la prima volta, l’incontro europeo di Permacultura si tiene all’interno e in stretta connessione con una comunità esistente.

La città di Bolsena non è nuova alla Permacultura: qui è nato il festival della Permacultura, unico nel suo genere, che ha ottenuto un grande successo di pubblico con oltre 500 ospiti paganti e oltre 1000 persone che hanno partecipato a conferenze e corsi.

Il Festival è stato ideato dall’architetto Luca Puri di Bolsena, iscritto all’Accademia Italiana di Permacultura. Per 7 anni consecutivi Luca ha coinvolto la comunità locale, organizzando eventi (es. Sotto Sante, 12 ore di benessere olistico) volti a creare consapevolezza sulla Permacultura a Bolsena e a livello nazionale.

La convergenza europea, sulle orme di quanto è stato fatto territorialmente negli anni passati, si proietta verso il mondo esterno, proponendo nuove opportunità e alleanze, al fine di promuovere una società organica.
Come in occasione dei Festival 2014 e 2015 l’evento coinvolge intimamente l’intera cittadinanza, l’idea è di “contaminare” la comunità locale esistente, tant’è che il Comune ha messo a disposizione edifici pubblici, aule, chiese sconsacrate e persino l’anfiteatro romano per gli eventi della Convergenza. Molti ristoranti, bar, campeggi e altre attività commerciali hanno attivato convenzioni con prezzi agevolati per i partecipanti.

L’evento di quest’anno, pur sulla scia del successo del festival di Bolsena, sarà straordinario nella forma e nella sostanza: per la prima volta alcuni dei più noti permacultori d’Europa e del mondo saranno invitati a condividere la propria esperienza in conferenze e workshop.

Almeno 60 ospiti, tra stranieri e italiani terranno corsi e conferenze durante la convergenza. Tra gli stranieri hanno già confermato Starhawk, Rosemary Morrow, Pandora Thomas, Barbara Jones, Robin Claynfield, Looby Macnamara, Maddy Harland, Helder Valente, John Button, Andy Goldring, Gaye Amus, Lusi Alderslowe, Coyote Alberto Ruz Buenfile, Jillian Hovey, Lilian Sum, e altri ancora, tra gli italiani Massimo Candela, Marco Pianalto, Saviana Parodi, Stefano Soldati, Maria Luisa Bisognin, Nicola Savio, Serena Bonura.

Workshop e conferenze tratteranno un vasto raggio di temi afferenti alla Permacultura e ai suoi vari aspetti applicativi. Tanti saranno i temi affrontati, tra cui: Permacultura sociale, rigenerazione del suolo, biocostruzioni, economia, coltivazione dei cereali senza aratro, fermentazione domestica dei cibi, progettazione, ecovillaggi, ecc. All’EUPC parteciperanno anche ospiti che presenteranno settori quali quello del Movimento della Transizione (Ellen Bermann), Marguerite Kahrl con il Lavoro che Riconnette (di Janna Macy), del GEN (Genny Carraro – Global Ecovillage Network) e altri ancora.

La Convergenza “occuperà” le piazze dove si svolgeranno anche momenti di dialogo, scambi, relax, divertimento con musica e performance di artisti. L’organizzazione della Convergenza di quest’anno è stata accompagnata da un’iniziativa dal nome ‘Permaculturando’, una serie di corsi gratuiti organizzati ogni settimana a Bolsena per preparare i cittadini all’evento, per creare il più possibile una sensibilità diffusa a livello locale. Con la collaborazione di alcuni docenti della libera scuola di agricoltura sinergica Emilia Hazelip, sono stati realizzati orti su circa 5mila metri quadrati utilizzando varie tecniche di coltivazione. Durante i giorni della Convergenza (gli orti saranno utilizzati come laboratori a cielo aperto e i prodotti degli orti entreranno nei menù dei ristoranti convenzionati).

L’organizzazione dell’EUPC è svolta prevalentemente da due gruppi che lavorano in sinergia:
1. Il GEA, Gruppo EUPC Accademia, di cui fanno parte alcuni associati dell’Accademia Italiana di Permacultura, costituito da un gruppo di coordinatori e altri volontari;

2. Il GT, Gruppo Territorio a cui appartengono persone di Bolsena (Associazioni varie tra cui: IDEA, Punti di Vista, Le Fontane, il Gruppo Archeologico Velzna, la Libro’Osteria Le Sorgenti, gestori di bar e ristoranti, tra cui Il Gabbiano, e molti altri ancora).

I componenti di entrambi i due gruppi stanno lavorando alacremente coordinandosi sui vari fronti. L’organizzazione è svolta a titolo volontario.

Per partecipare agli incontri sarà necessario iscriversi sul sito www.eupc.it e pagare un biglietto di entrata. Il biglietto darà accesso a tutte le conferenze, ai gruppi di discussione e ai corsi/workshop. Sono stati accordati con il GT dei prezzi speciali per le seguenti categorie di persone: 1. Residenti nei comuni limitrofi al lago di Bolsena: 2. Associati a: Associazione Idea e Punti di Vista, 8 comuni limitrofi al lago (Bolsena, Marta, Montefiascone, Capodimonte, Valentano, Gradoli, San Lorenzo, Grotte del Castro) e agli studenti dell’Università di Viterbo.

L’evento che andrà dal 7 all’11 settembre, sarà caratterizzato da: un programma con workshop e conferenze con accesso a pagamento (vedi costo biglietti) un programma territorio con attività culturali, conferenze e workshop, area benessere, spettacoli, ad entrata gratuita.

RadioGiornale, partner dell’evento, ha realizzato uno speciale cartaceo con l’intero programma e la mappa degli eventi dislocati a Bolsena. In distribuzione in questi giorni intorno al lago, lo puoi trovare anche all’interno del festival. Non perdere l’edizione speciale in formato Pdf e leggila subito qui!

Banner
Banner
Banner