Alle nove il Consiglio comunale, ma andrà deserto e si riunirà realmente domani

Alle nove il Consiglio comunale, ma andrà deserto e si riunirà realmente domani

Alle nove il Consiglio comunale, ma andrà deserto e si riunirà ufficialmente domani. Già annunciato il forfait della maggioranza che ha deciso di ricorrere per l’ennesima volta in questa consiliatura della “seconda convocazione” riconvocando già la seduta per domani.

ADimensione Font+- Stampa

Alle nove il Consiglio comunale, ma andrà deserto e si riunirà realmente domani. Già annunciato il forfait della maggioranza che ha deciso di ricorrere per l’ennesima volta in questa consiliatura della “seconda convocazione” riconvocando già la seduta per domani.

La “seconda convocazione” permette i lavori del Consiglio con un numero legale ribassato. Non serviranno dunque il 17 consiglieri presenti, ma 11. Solo così il centrosinistra è in grado infatti di far partire i lavori anche perché le questioni aperte rischiano di spaccare la coalizione per l’ennesima volta.

In agenda c’è la questione della decadenza del consigliere Francesco Moltoni, vicenda sulla quale si parla da giorni di una probabile accelerazione da parte dei fioroniani del Partito Democratico. Conferme dirette non ce ne sono, ma alcuni indizi, tra cui la lettera dell’ex candidata Vita Sozio che entrerebbe in Consiglio qualora Moltoni decadesse andando a infoltire le fila della maggioranza e il parere ottenuto dal sindaco Leonardo Michelini dal legale, lasciano intendere questa volontà.

Oggi intanto la prima convocazione alle 9, poi domani la discussione a partire dalle 9.30. Uno schema che dovrebbe essere ripetuto anche la prossima settimana.

Banner
Banner
Banner